Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Glicemia: quali sono i valori normali

Indietro

Glicemia: quali sono i valori normali

Valore normale di glicemia
Valore normale di glicemia






vota


Tenere sotto controllo i valori della glicemia è la preoccupazione di tante persone, specie di chi soffre di diabete o delle donne incinta: perché? Cos’è la glicemia e quali sono i valori nella norma e quelli preoccupanti?

 

Cos’è la glicemia? Il glucosio, cioè lo zucchero, è la fonte primaria di energia del nostro organismo ed è trasportato a tutto il corpo attraverso il sangue. La concentrazione di glucosio nel sangue si chiama glicemia e il livello di glicemia è stabilito dall’insulina, un ormone fondamentale perché regola la presenza di zucchero nel sangue e il suo utilizzo da parte delle cellule.

La glicemia è un parametro del sangue da conoscere per stabilire la presenza o meno di determinati disturbi e patologie.

 

Quali sono i valori normali della glicemia?

Il valore glicemico si misura in milligrammi di glucosio per decilitro di sangue. Appena svegli, la misurazione del glucosio nel sangue indica il livello di glicemia basale, quello non influenzato dai pasti. In una persona sana, il livello di glicemia basale è compreso tra 70 e 110 mg/dl.

 

Il corpo assume zucchero attraverso il cibo, dunque la quantità di glucosio dipende dalla quantità e tipologia di alimenti ingeriti e varia nel corso della giornata. L’OMS considera nella norma la glicemia post prandiale a due ore quando è massimo a 140 mg/dl, ma può attestarsi intorno ai 180 mg/dl dopo cene particolarmente abbondanti.

 

Quali sono i valori preoccupanti?

L’ipoglicemia e l’iperglicemia indicano rispettivamente valori troppo bassi e troppo alti di glicemia rispetto ai parametri di normalità.

 

Secondo l’American Diabetes Association, i valori glicemici a partire dai 126 mg/dl indicano una probabile situazione di diabete e, superati i 200, si è in presenza di una situazione di diabete già conclamata da trattare a livello medico.

 

Una situazione particolare riguarda il diabete gestazionale che si verifica quando, durante la gravidanza, si presenta una delle seguenti situazioni:

  • Valori a digiuno superiore o uguale a 125 mg/dl.
  • Valore di glicemia dopo i pasti superiore a 200 mg/dl.
    Per la corretta diagnosi di diabete gestazionale, è necessario che i risultati superiori alla norma siano confermati in un successivi prelievi.

Fonte e approfondimenti su standard italiani.


2 commenti

  1. glicata ha detto:

    Una situazione particolare riguarda il diabete gestazionale che si verifica quando, durante la gravidanza, la concentrazione di glucosio nel sangue è uguale o superiore a 92 ml/dl.

    TRATTASI EVIDENTEMENTE DI ERRORE L’INDICAZIONE DI 92 AL POSTO DI……
    SI PREGA DI INDICARE IL VALORE CORRETTO CHE DOVREBBE ESSERE 125 A DIGIUNO E 200 DOPO UN PASTO
    GRAZIE

    • Redazione ABCsalute.it ha detto:

      Salve glicata,
      grazie per aver segnalato l’evidente errore pubblicato nel nostro post: abbiamo provveduto a correggerlo.
      Grazie ancora e buona serata.


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 23/09/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti