Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • In arrivo un vaccino anti emicrania

Indietro

In arrivo un vaccino anti emicrania

Vaccino anti emicrania
Vaccino anti emicrania - iStockphoto.com






vota


Le migliaia di italiani costretti a convivere con l’emicrania cronica hanno un motivo per ben sperare: un team di medici e ricercatori del Centro per la diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore dell’Irccs San Raffaele di Roma ha realizzato un vaccino anti emicrania.

 

Come agisce il vaccino anti emicrania?

Il vaccino, iniettato sottocute, si basa sul ruolo svolto dagli anticorpi anti-CGRP capaci di intercettare la CGRP – Calcitonin gene related peptide – una sostanza fisiologica che, se presente in eccesso, è implicata nella comparsa dell’emicrania. Piero Barbanti, Responsabile del Centro per la diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore del San Raffaele di Roma, si dice molto soddisfatto dei risultati ottenuti dalla somministrazione sperimentale: dopo 3 mesi di somministrazione, i pazienti hanno riferito una diminuzione della frequenza di attacchi di emicrania pari al 62%, e un’altrettanto alta percentuale di responder, 74%.

 

Quali sono gli aspetti positivi e innovativi del vaccino anti emicrania, e chi può richiederlo?

In questa fase sperimentale, il vaccino anti emicrania sarà iniettato sottocute una volta al mese, per più mesi, solo ai pazienti con emicrania cronica, cioè che si presenza 15 giorni al mese; in un secondo momento si potrà cominciare a coinvolgere anche persone con emicrania periodica.

 

Il San Raffaele di Roma è il primo centro in Europa ad aver conseguito un risultato così promettente con l’uso di anticorpi anti-CGRP, e l’adozione del vaccino contro l’emicrania rappresenterebbe un passo verso la migliore gestione della malattia e la qualità della vita dei pazienti con emicrania che potrebbero dire addio a farmaci analgesici e terapie contenitive del dolore.

 

A tal proposito, il Dott. Barbanti precisa che per guarire dall’emicrania è necessario il ruolo attivo del paziente, perché non basta chiedere una cura immediata, ma adottare sane abitudini che aiutino ad attenuare e in alcuni casi eliminare il disturbo: monitorare gli attacchi di emicrania, contenere l’uso improprio di analgesici, evitare situazioni di prolungato stress e ansia che alimentano la malattia


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 31/03/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.