Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
gioves
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Gentili dottori, una persona a me molto cara è affetta da metastasi al fegato. Da anni lotta contro il tumore ed è stata sottoposta a varie chemioterapie e trattamenti chirurgici, prima per un tumore al seno, poi per un tumore all'ovaio, che nel tempo le hanno dato varie metastasi, scomparse in seguito al trattamento chemioterapico. Recentemente le sono però comparse delle metastasi al fegato (originatasi dal tumore all'ovaio), e quindi ha iniziato la chemioterapia che ha dovuto interrompere per via delle ripercussioni fisiche. Infatti, ha prima presentato valori elevati di birilurbina, poi valori molto elevati di transaminasi e gamma gt. Per questo ha iniziato una cura con le flebo, ma al ritiro delle analisi di controllo la bilirurbina è scesa a 1.45, le transaminasi sono aumentate a 400, e la gamma gt è raddoppiata da 1000 a 2000. L'oncologo le ha così prescritto una cura di dieci giorni sempre con le flebo di questi medicinali: samyr e tad (gli stessi della prima cura con le flebo, ma questa volta senza cortisone). Purtroppo l'oncologo ha anche dato una brutta notizia: non potrà fare le chemio e quindi le resta poco tempo per vivere, all'incirca due mesi. Voglio specificare che le metastasi sono tre, la più grande di 25mm e che si trovano tutte tra il VI eVI segmento. Io voglio sapere se ci sono delle terapie alternative, dei centri altamente specializzati che possano fornire un barlume di speranza in più, o comunque altri medicinali a parte il samyr e il tad che possano farle abbassare questi valori, perché non ho intenzione di arrendermi. In attesa di una vostra risposta, vi ringrazio anticipatamente.
 
Bellentani
Esperto di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 41
Purtroppo la situazione della persona a lei cara mi sembra, da come la descrive, molto grave e non credo si possa fare nulla. Dalle dimensioni delle metastasi non si puo' pensare nemmeno ad intervenire chirurgicamente e poi il problema sarebbe che dopo l'intervento le metastasi ricomparirebbero rapidamente. Mi spiace :oops: Saluti

_________________
Prof. Dr Stefano Bellentani
    41124 MODENA (Modena)
    Via G.Bove, 13
    059 371102
    bellentanistefano@gmail.com
 
2 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

Tumore al fegato: tumore epatico primario oppure da metastasi di altri tumori Tumore al fegato: tumore epatico primario oppure da metastasi di altri tumori

Il tumore al fegato è caratterizzato a una proliferazione anomala di cellule mutate all'inter...

EPATITE VIRALE EPATITE VIRALE

Per epatite si intende uno stato di malattia del fegato caratterizzato da: Infiammazione, presenza ...

INSUFFICIENZA EPATICA INSUFFICIENZA EPATICA

L'insufficienza epatica è la compromissione della totale funzionalità del fegato e l'i...

STEATOSI EPATICA STEATOSI EPATICA

Per steatosi epatica si intende l'infiltrazione di grasso negli epatociti (cellule del fegato). Pu&o...





ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2018 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti