Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
Clozzy
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 3
Salve a tutti. Ho un problema che ho sempre avuto e che ho sempre pensato fosse normale; mi sono accorto da poco che così non è. Mi spiego meglio: quando mi metto a leggere un libro, anche solo dopo aver letto una pagina, inizio a vedere delle righe scure in mezzo alle righe del testo. Successivamente, se smetto di leggere il libro e fisso un muro continuo a vedere le righe del testo per un minuto circa. Tengo a precisare che non vedo le scritte in sé, vedo solo delle righe orizzontali chiare/scure. Credo che mi rimanga impresso al negativo il testo, visto che nella parte del testo dove ci sono le scritte tendo a vederle come evidenziate di bianco, mentre vedo una scia scura nelle vari spazi bianchi tra una riga di testo e l'altra. Premetto inoltre che ho già fatto due visite oculistiche normali: l'occhio non ha problemi tranne che un lieve astigmatismo nella lunghissima distanza. Visto che mi sono appassionato alla lettura sta diventando fastidiosissimo. Cosa posso fare? Ho letto che si potrebbe fare un controllo per quanto riguarda la cornea, ma non ho mai trovato patologie identiche alla mia. Uno degli oculisti pensa addirittura che sia un problema del sistema nervoso e non dell'occhio. Illuminatemi grazie
 
Clozzy
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 3
Ho fatto la prova di leggere solamente con un occhio e mi capita con entrambi!
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
Caro Signore,
lei ha sperimentato,in maniera ansiosa e quindi un pò eccessiva,un fenomeno cardine della neurofisiologia retinica,quello delle postimmagini,descritto per la prima volta da Herting.
Le immagini retiniche, una volta formatesi, hanno un periodo di sopravvivenza molto breve, durante il quale persistono sotto forma di post – immagini positive; nella vita quotidiana non ci accorgiamo di tale brevissima persistenza delle post- immagini, perché esse vengono continuamente cancellate dalle immagini successive. Al cinema, la sensazione del movimento e dello scorrimento è resa possibile dalla velocità della pellicola sufficientemente alta da consentire la fusione delle immagini prodotte e quindi la continuità della rappresentazione visiva.
Esistono anche post – immagini negative, testimoniate dall’apparizione di una macchia scura immediatamente successiva ad un forte abbagliamento da flash fotografico; ciò avviene perché lo stress retinico, provocato dall’impatto da luce così intensa, esaurisce le scorte pigmentarie dei fotorecettori che diventano incapaci, per qualche secondo, di far fronte ad ulteriori stimolazioni. Le post – immagini negative sono utilizzate nella pratica diagnostica per determinare il tipo di fissazione retinica nello strabismo.
Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
Clozzy
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 3
PROF.SIRAVO ha scritto:
Caro Signore,
lei ha sperimentato,in maniera ansiosa e quindi un pò eccessiva,un fenomeno cardine della neurofisiologia retinica,quello delle postimmagini,descritto per la prima volta da Herting.
Le immagini retiniche, una volta formatesi, hanno un periodo di sopravvivenza molto breve, durante il quale persistono sotto forma di post – immagini positive; nella vita quotidiana non ci accorgiamo di tale brevissima persistenza delle post- immagini, perché esse vengono continuamente cancellate dalle immagini successive. Al cinema, la sensazione del movimento e dello scorrimento è resa possibile dalla velocità della pellicola sufficientemente alta da consentire la fusione delle immagini prodotte e quindi la continuità della rappresentazione visiva.
Esistono anche post – immagini negative, testimoniate dall’apparizione di una macchia scura immediatamente successiva ad un forte abbagliamento da flash fotografico; ciò avviene perché lo stress retinico, provocato dall’impatto da luce così intensa, esaurisce le scorte pigmentarie dei fotorecettori che diventano incapaci, per qualche secondo, di far fronte ad ulteriori stimolazioni. Le post – immagini negative sono utilizzate nella pratica diagnostica per determinare il tipo di fissazione retinica nello strabismo.
Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://siravoduilio.beepworld.it



Innanzitutto la ringrazio per la gentile risposta. Di questo fenomeno ne ero già a conoscenza in quanto esistono molti giochi mentali dove, ad esempio, ti fanno fissare una silhouette per qualche secondo per poi ritrovarsela al negativo guardando un muro. Il mio problema è che se mi ritrovo a leggere anche una sola pagina, mi rimane impressa per un minuto abbondante! Ieri ho comprato una lampadina fredda e l'effetto è praticamente sparito, anche se rimane un poco. La cosa che non mi piace riguarda il fatto che agli altri ciò non accade e a me, dopo un po', incomincia a diventare decisamente fastidioso. Non ci sono dei rimedi? La ringrazio
 
Brogy
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 2
Ciao ho il tuo stesso problema volevo sapere cosa ti avevano detto.? Grazie
Inviato: 23/03/2020, 7:32
 
Brogy
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 2
Ciao ho il tuo stesso problema volevo sapere cosa ti avevano detto.? Grazie
Inviato: 23/03/2020, 7:32
 
6 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...







NOTIZIE PER LA SALUTE

Settimana europea della dislessia dal 5 all’11 ottobre Settimana europea della dislessia dal 5 all’11 ottobre

Dal 5 all’11 ottobre, la settimana europea della dislessia 2015 propone una serie di eventi per guar...

GLAUCOMA GLAUCOMA

Il glaucoma è una patologia cronica dell'occhio dovuta ad un aumento della pressione all'inte...

Occhio di venere: perché è importante correggerlo subito Occhio di venere: perché è importante correggerlo subito

L’occhio di venere – noto come strabismo di venere – è un difetto dovuto a ...

Occhio bionico “interno” restituisce vista a non vedenti un cieco è tornato a leggere Occhio bionico “interno” restituisce vista a non vedenti un cieco è tornato a leggere

Un sorriso dopo il buio. Un giovane non vedente, per la prima volta nella sua vita, è riuscit...



TROVA LO SPECIALISTA

Casa di Cura San Michele

La Casa di Cura San Michele ha come caratteri distintivi la competenza professio...

Dr Francesco Mele

L’Oculista a Torino Dr Francesco Mele è laureato in Medicina e Chir...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.