Indietro

L'intervento chirurgico è risolutivo per lo strabismo di Venere

clicca per votare





Strabismo Strabismo divergente Difetto di strabismo Lo strabismo Occhio deviato Lo strabismo latente


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 07/10/2009

Modificato il 07/10/2009

Lo strabismo di Venere è un difetto che causa anzitutto gravi sofferenze psicologiche ed è dovuto a un disallineamento di uno o entrambi gli occhi rispetto al punto di fissazione. Può essere di tre tipi: strabismo convergente quando l’occhio è deviato verso l’interno, strabismo divergente quando l’occhio è deviato verso l’esterno, strabismo verticale quando l’occhio è deviato verso l’alto o il basso. L’occhio deviato trasmette al cervello un’immagine diversa rispetto a quella dell’altro occhio perché fissa un oggetto diverso, determinando una fastidiosa visione doppia, sicché il cervello tende a sopprimere le visioni provenienti dall’occhio strabico dato che creano confusione.

 

Lo strabismo di Venere può essere congenito, insorgere in età precoce o tardiva, essere costante o intermittente, colpire un occhio o ambedue alternativamente. È un difetto causato da fattori ereditari, anomalie oculari quali cataratta, ptosi, ecc., difetti rifrattivi, paresi di origine cerebrale, paresi di uno dei muscoli oculari. Nel bambino lo strabismo può essere causato da vizi rifrattivi non corretti, quali l’ipermetropia, che determinano spesso uno strabismo convergente o la miopia. Un’altra causa è la visione ridotta in un occhio, ossia l’ambliopia, comunemente chiamato “occhio pigro”, che impedisce la collaborazione tra i due occhi, generando di solito uno strabismo divergente. Nell’adulto improvvise forme di strabismo sono spesso collegate a fenomeni di paresi dei muscoli oculomotori o a manifestazioni di uno strabismo latente che compare per stanchezza o stress.

 

Al di là dell’estetica lo strabismo di Venere va affrontato subito: in un bambino strabico la cura dell’ambliopia risulta il trattamento più valido e quanto più a lungo la si ignora, tanto è difficile riportare alla normalità l’acutezza visiva dell’occhio strabico.


Domande più frequenti

1. Lo strabismo è ereditario?
Quasi sempre.

2. È più difficle curare lo strabismo divergente o quello convergente?
Non vi è alcuna differenza.

3. A che età ci si può accorgere che un bambino è strabico?
A volte sin dalla nascita, ma nei primi 3 anni di vita lo si può sapere con sicurezza.

4. Quali sono le terapie?
Utilizzo di lenti correttive; correzione dell’ipermetropia o della miopia con lenti appropriate; bendaggio dell’occhio sano per stimolare la visione di quello strabico; costanti esercizi oculari (ortottici e pleottici) che servono a ripristinare la capacità di visione dell’occhio pigro.

5. Qual è la percentuale di guarigione?
Tra il 40 e il 50%.

6. E se non guarisce?
Significa che lo strabismo non è dovuto a ipermetropia o miopia ma ad altri fattori, quale un’inserzione anomala dei muscoli nel bulbo oculare.

7. Quali conseguenze porta lo strabismo?
A livello psicologico per un bambino non è divertente vedersi diverso dai propri compagni, a livello clinico, se non curato, lo strabismo può causare una forte riduzione o addirittura la perdita della capacità visiva.

8. Si può intervenire a livello chirurgico?
Sì, l’intervento dura meno di un’ora e dà degli ottimi risultati, soprattutto da un punto di vista estetico.

9. Dopo l’intervento lo strabismo può comparire di nuovo?
È possibile ma capita molto raramente.

10. Completata la post operazione gli occhi possono essere sottoposti a sforzi, senza limitazioni?
Senza alcun problema.




Fonti:

Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 02/12/2016