Indietro

Cataratta: processo di perdita della trasparenza del cristallino dell’occhio

clicca per votare





Cataratta Cataratta Cataratta in anziani Cataratta in anziani Intervento cataratta Intervento cataratta


Scritto da Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)

Pubblicato il 09/06/2010

Modificato il 09/06/2010

La cataratta è un processo di perdita parziale o totale della trasparenza del cristallino dell’occhio che causa diminuzione della vista e che, in casi più gravi, può portare anche alla cecità. Il cristallino è l’elemento dell’occhio che contribuisce a mettere a fuoco le immagini sulla retina; è composto principalmente di acqua e proteine, orientate in modo tale da mantenerlo trasparente per permettere il passaggio della luce verso la retina. Nella maggior parte dei casi la cataratta si verifica in soggetti di età avanzata; questo processo, infatti, è causato da fenomeni di ossidazione delle proteine del cristallino che si verificano proprio con l’avanzare dell’età. La cataratta può tuttavia interessare anche soggetti di età più giovane se legata a fattori di rischio come diabete, infiammazioni dell’occhio, esposizione eccessiva a raggi ultravioletti o infrarossi o cause di origine congenita.

 

Cataratta: disturbi e sintomi
I disturbi più comuni della cataratta sono: vista annebbiata, sfocata o sdoppiata; problemi di vista in presenza di luci, come i fari delle macchine; necessità di cambiare frequentemente la prescrizione degli occhiali. La cataratta in fase iniziale può anche svilupparsi così lentamente da non presentare sintomi evidenti, in questi casi la perdita della vista è graduale e per questo, in molti casi, viene erroneamente trascurata.

 

L’intervento chirurgico
Per guarire dalla cataratta occorre intervenire con la chirurgia utilizzando la tecnica, al momento più diffusa, della facoemulsificazione: una piccola sonda ad ultrasuoni frammenta il cristallino consentendone la rimozione attraverso una piccola incisione di soli tre millimetri; il cristallino rimosso viene sostituito con quello artificiale che sostituisce la capacità rifrattiva della lente naturale appena asportata e che può anche correggere un precedente difetto (astigmatismo, miopia, ipermetropia), anche se comunque la visione resterà monofocale e quindi saranno sempre necessari gli occhiali. L'intervento della cataratta è eseguito ambulatorialmente in anestesia locale e dura circa venti minuti.
Come avverte l'oculista, l'operazione ha una piccola ma comunque presente percentuale di rischio: la pressione dei liquidi introdotti nella camera anteriore dell'occhio può provocare rotture della capsula, perdite di vitreo, edemi della cornea e distacchi di retina. Tra le complicanze del dopo intervento c'è l'opacizzazione della capsula posteriore del cristallino, detta anche cataratta secondaria, facilmente eliminabile con lo YAG laser.



Fonti: - Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link




Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016