Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
tony666
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Salve dottore,
negli ultimi sei mesi mia moglie ha avuto una grave depressione a causa della morte del padre.
Grazie allo psicologo/psichiatra e all'uso dei farmaci, è ora riuscita a superarla tornando, più o meno, ad una vita normale.
Lo stesso psichiatra ora le ha proposto di iniziare una terapia con il litio (come stabilizzante dell'umore). Ho un po' di perplessità, poichè vista l'età di mia moglie (38 anni) non vorrei che divenisse dipendente da quella sostanza. Cosa ne pensa?
Grazie.
 
Dott. Roberto De Pas
WB701
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 29
Le consiglio di seguire l'indicazione suggerita, visto anche il buon decorso terapeutico. Il litio ha solo la funzione di stabilizzare l'umore.
Cordialità,
Dr. Roberto De Pas

_________________
Dott. Roberto De Pas
    20122 MILANO (MI)
    Via Maddalena
    Tel.02.8052425
    roberto.depas@tiscali.it
http://www.balbuzie.abcsalute.it
 
Dr Caterina Prioreschi
TL158
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 45
Cito: " Mia Moglie ha avuto una grave depressione a causa della morte del padre... Grazie allo psicologo / Psichiatra e all' uso dei farmaci, è ora riuscita a superarla tornando, più o meno, ad una vita normale."
Mi sembra che questa descrizione sia un po' vaga.
Il litio è un farmaco impegnativo, d' elezione nei disturbi bipolari.
Implica controlli costanti della litiemia e periodicamente della funzionalità tiroidea e renale.
Solo in pochissime forme di depressione se ne fa uso.
Sua moglie è bipolare? Che cosa intende con un ritorno più o meno ad una vita normale? Quale era il suo stato pre-morboso ( cioè prima della grave depressione) ?
Senza queste precisazioni, una risposta professionalmente seria è impossibile.

Dott.ssa Caterina Prioreschi

_________________
Dr Caterina Prioreschi
    20143 Milano
    Via Fumagalli 10
    Tel.02.45485930
    caterina.davide@gmail.com
http://www.drssacaterinaprioreschi.abcsalute.it
 
Dr Andrea Mazzeo
WB1282
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 81
Chiama Gratis
Il litio (Carbonato di litio) potrebbe avere un'azione di prevenzione verso eventuali ricadute depressive, ma, come ha già scritto la collega, è una terapia impegnativa. Certo noi da lontano, senza una visita personale della paziente, non possiamo esprimerci in merito; se si tratta di un singolo episodio depressivo, anche se parzialmente risolto, non è detto che possa ripetersi. Si tratterà di lavorare sui sintomi residui. Secondo alcune linee guida potrebbe essere opportuno prolungare il mantenimento con l'antidepressivo per alcuni anni. In ogni caso se deve usare il carbonato di litio si assicuri che sia quello in capsule; sono incommercio anche le compresse ma non hanno la stessa azione profilattica.

_________________
Dr Andrea Mazzeo
    00162 Roma
    Via Michele di Lando 26 int. 2
    Tel.
    aemme4026@gmail.com
http://www.andreamazzeo.abcsalute.it
 
Nico88
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Buongiorno Dottori,
ad una mia familiare è stata prescritta una terapia al litio per una casistica simile a quella segnalata dall’utente Tony666.
Premetto che ho una formazione tutt’altro che medica, ma ho comunque provato a documentarmi su questa terapia come meglio ho potuto, per capirne a grandi linee i pro e i contro.
Da ciò che ho avuto modo di leggere , rilevo che questa profilassi non sia da intendersi come una cosa propriamente light, e richieda un approccio in linea con quanto espresso dalla Dott.sa Prioreschi, che mi pare abbia competenze specificamente mediche e soprattutto sottolinea che, per una risposta seria e professionale, servirebbero approfondimenti cospicui.
D’altro canto rilevo però nel thread anche una risposta ‘all’acqua di rose’ che lascia trasparire la leggerezza propria di una terapia con farmaco generico da banco.
A questo punto rimango un pelo disorientato: E’ auspicabile che esorti la mia familiare a consultare un medico –nel senso stretto del termine- che possa valutare la situazione clinica della paziente, prima di intraprendere questo tipo di cura, oppure possiamo in tutta tranquillità seguire le indicazioni dello psicoterapeuta che l’ha prescritta?
Mi è ben chiaro il concetto secondo cui lo psicoterapeuta ha facoltà di prescrivere cure -e nulla voglio togliere alla sua figura professionale- ma in questo specifico caso, viste le interazione fisiche del farmaco non trascurabili, con quale livello di serenità è possibile dare credito a quanto proposto?
Saluti e grazie
Nicola
 
5 messaggi
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  











NOTIZIE PER LA SALUTE

Piccole concentrazioni di litio disciolto in acqua potabile abbassano tasso suicidio Piccole concentrazioni di litio disciolto in acqua potabile abbassano tasso suicidio

Piccole quantità di litio naturale nell'acqua potabile abbassano i tassi di suicidio, assicur...

Disturbo bipolare: psicosi che alterna stato maniacale e depressione Disturbo bipolare: psicosi che alterna stato maniacale e depressione

Il disturbo bipolare è una particolare tipologia di depressione caratterizzata dall'alternars...

La cellulite si combatte con l’ossigeno ozono terapia? La cellulite si combatte con l’ossigeno ozono terapia?

Il Dr Furio Di Palma è uno dei pochi specialisti italiani di ossigeno ozono terapia. Gli abbiamo chi...

Ossigeno ozono terapia: perché tanti benefici? Ossigeno ozono terapia: perché tanti benefici?

L’ossigeno ozono terapia è un sostegno concreto alla cura di numerose patologie e disturbi, oltre ch...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Valeria Egidi Morpurgo

La psicoanalista  e psicoterapeuta Valeria Egidi Morpurgo di Milano opera n...

Dott.ssa Erminia Ida Maria Falzarano

Lo Psicologo ad Airola Dott.ssa Erminia Falzarano affronta con i suoi pazienti i...

Dott. Prof. Antonio Pala D.Q. - D.Ac
Associazione "Istituto di Scienze Olistiche"

Il Prof. Antonio Pala Psicologo a Cagliari adotta un approccio olistico nel qual...

Dott.ssa Donatella Guerriero

La Psicoterapeuta a Padova, Dott.ssa Donatella Guerriero, oltre a essere laurea...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2021 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.