Indietro

Disturbo bipolare: psicosi che alterna stato maniacale e depressione

clicca per votare





Fase depressiva Fase depressiva Psicosi maniaco-depressiva Psicosi maniaco-depressiva Supporto psicoterapeutico Supporto psicoterapeutico


Scritto da

Massimo Miliani, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 14/06/2010

Modificato il 14/06/2010

Il disturbo bipolare è una particolare tipologia di depressione caratterizzata dall'alternarsi di due stati umorali ben distinti: lo stato maniacale e lo stato depressivo. Queste due fasi si alternano fra loro e il passaggio da una all'altra può essere tanto graduale quanto immediato.

 

Disturbo bipolare: due fasi, due diversi modi di esternare un disagio
La fase maniacale è caratterizzata da un comportamento euforico, un ottimismo eccessivo e dall'accavallarsi di idee e pensieri gli uni con gli altri. Alle volte il comportamento maniacale tende a sfociare nel cosiddetto comportamento disforico, ossia un diffuso senso di rabbia, irritabilità e, alle volte, aggressività.
La fasi depressive del disturbo bipolare sono mediamente più lunghe di quelle maniacali (un paio di mesi rispetto alle 2 - 3 settimane di durata della fase maniacale) e sono caratterizzate da sintomi quali tristezza, senso di vuoto e inadeguatezza. Sensazioni che nei casi più gravi diventano così intollerabili da spingere il paziente a pensare al suicidio.

 

I farmaci sono fondamentali
Il disturbo bipolare, chiamato anche psicosi maniaco-depressiva, viene trattato anche mediante la somministrazione di farmaci stabilizzanti dell'umore e di antidepressivi. Gli stabilizzatori dell'umore come il litio vengono prevalentemente utilizzati per placare i disturbi delle fasi maniacali del disturbo bipolare, mentre gli antidepressivi sono utilizzati per lenire le fasi depressive. L'equilibrio e la conseguente funzionalità di una terapia per la sindrome bipolare è il frutto di svariati tentativi poiché ogni soggetto bipolare è unico come unica è l'intensità con cui si manifestano le due fasi umorali.
Alla terapia farmacologica (che rimane in ogni caso imprescindibile) va affiancato un supporto psicoterapeutico mirato. In conclusione la persona, attraverso un percorso terapeutico, apprende tecniche innovative ed efficaci, utili per elaborare i contenuti emotivi (come ansia, rabbia, inibizione, paura), migliorare le relazioni affettive (il grado di sintonia e di soddisfazione), sciogliere i blocchi e i pensieri negativi, instaurando così un nuovo ciclo in cui ognuno può vedersi e sentirsi più capace di controllare le situazioni emotive, e ricevere e sfruttare nuovi stimoli di crescita e cambiamento. a monitorare la reale assunzione dei farmaci da parte del paziente bipolare (molto alta, infatti, è la probabilità che il paziente tenda a “dimenticare” le proprie medicine) e a enfatizzarne l'efficacia stabilizzante.
Il problema della diagnosi è quindi fondamentale per distinguere il bipolarismo, che è un disturbo mentale da curare farmacologicamente, e il disturbo borderline della personalità, che è invece una condizione pre-morbosa e che può essere dovuta alla sviluppo dell'individuo.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link

 - Dr.ssa Ornella Convertino - Psicologa e Psicoterapeuta





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 11/12/2016