Indietro

La depressione alterazione dell'umore oggi sempre più diffusa

clicca per votare





Depressione I disturbi depressivi Solitudine Perdita di stimoli Disturbo psichico Segnali di depressione


Scritto da

Francesco S. Cantù, giornalista pubblicista (Ordine giornalisti della Lombardia) tessera N° 118321


Pubblicato il 08/10/2009

Modificato il 08/10/2009

La depressione è un disturbo psichico molto frequente ai giorni nostri, una patologia sempre più diffusa che colpisce anche persone che conducono una vita apparentemente tranquilla o che non hanno alcun problema sia economico che affettivo.

 

La depressione causa disturbi quali costante tristezza, atteggiamento abulico e indeciso e la perdita d’interesse anche verso gli aspetti più piacevoli della vita quali ascoltare musica, fare sesso, praticare sport, lo stare con gli amici. La persona depressa lamenta anche una perdita di concentrazione, di iniziativa, di stimoli e di interessi preferendo stare sola, in un mondo mesto tutto suo, rifuggendo dalla vita sociale che il più delle volte lo fa sentire a disagio. Con il progredire della depressione, il soggetto tende a soffrire d’insonnia, ad avere attacchi di panico, e qualora il disturbo diventi ancora più grave, può cadere nella più mera disperazione fino al suicidio.

 

Nelle forme di depressione più lievi il soggetto inizia a essere triste, a piangere spesso anche per motivi incomprensibili: è un momento evidente per interpretare l’aiuto che con queste manifestazioni la persona chiede inconsciamente a chi le sta attorno. A nulla vale, anzi è deleterio, l’atteggiamento dei familiari, degli amici, delle persone amate che cercano di esortarlo a uscire di casa, a incontrarsi con gli altri, a reagire, dato che per il depresso questi incitamenti appaiono incomprensibili, alieni dalla sua realtà, con la conseguente sensazione di non essere compreso. In questo caso è doveroso riuscire a convincerlo a farsi visitare, per prima cosa da un neurologo, il quale poi prescriverà al paziente degli antidepressivi accompagnati dall’invito a iniziare al più presto una psicoterapia. Nelle forme di depressioni più gravi il paziente va subito sottoposto a terapia psichiatrica, possibilmente in ospedale.


Domande più frequenti

1. La depressione è sempre uguale?
Sovente la depressione è un disturbo d’ansia che può insorgere per problemi contingenti, in questo caso si tratta di depressione reattiva che solitamente ha buone probabilità di guarigione. In altri casi la depressione è parte di una malattia mentale o psicosi e ha di solito una breve durata, ma può sorgere in fasi ricorrenti.

2. Esiste la depressione bipolare?
Il cosiddetto bipolarismo si riferisce a pazienti che vanno incontro a crisi sia depressive sia maniacali. Questi soggetti quando sono maniacali tendono a essere l’opposto di quando sono depressi: sono allegri, pieni di brio e di iniziative, attivi e gioviali.

3. Perché insorge la depressione?
Le cause sono molteplici, vi possono essere delle alterazioni del metabolismo di certi neurotrasmettitori e/o di certi ormoni. Possono inoltre causare depressione alcune malattie quali la sclerosi multipla, la tubercolosi oppure certi farmaci. Spesso il soggetto è tendente alla depressione dalla nascita.

4. La depressione è ereditaria?
In un certo numero di casi si è riscontrata una componente ereditaria per la depressione maggiore e in un numero più elevato per i casi di depressione bipolare.

5. Una persona può essere depressa anche senza saperlo?
Spesso, soprattutto nelle sue forme più lievi è così, anche perché la depressione è purtroppo spesso scambiata per stress, stanchezza, insoddisfazione momentanea.

6. Come fa un soggetto a capire di essere veramente depresso e non solo stanco o stressato?
Quando il soggetto di colpo inizia a pensare in negativo, quando non s’interessa più al suo lavoro e ai suoi hobby, quando cambia abitudini alimentari o mangiando troppo o non mangiando affatto, quando si disinteressa totalmente al sesso, quando si rifugia in manie che prima non aveva, quando alterna momenti di euforia a momenti di tristezza, quando non ha più voglia di uscire di casa, quando ha paura ad addormentarsi. Sono tutte piccole spie che dovrebbero indurre il soggetto a consultare al più presto uno specialista.

7. Come si cura la depressione?
La terapia è basata sulla somministrazione di alcuni farmaci antidepressivi prescritti da un neurologo. Questi farmaci hanno molto successo e sono efficaci in un ventina di giorni.

8. Gli antidepressivi danno assuefazione?
No, ma alcuni soggetti ne abusano perché sono più comodi rispetto ad altre forme di rimedi, come per esempio la psicanalisi.

9. La psicoterapia fa bene?
Molto bene soprattutto per i casi di depressione reattiva. Spesso la psicoterapia è associata alla somministrazione di farmaci.

10. Un paziente che ha terminato la psicanalisi con successo è guarito per sempre dalla depressione?
Dipende da soggetto a soggetto e da depressione a depressione. Una psicoterapia terminata con successo, anche se non toglie per sempre la depressione, di sicuro permette al paziente di gestirla qualora dovesse presentarsi di nuovo.
 




Fonti: Rook A. "Textbook of Dermatology" - Fourth Edition Blackwell Scientific Publ. 1986
Caputo R., Monti M. "Manuale di Dermocosmetologia Medica" - Raffaello Cortina Editore 1995
A. Haynal, W.Pasini "Medicina Psicosomatica" - Ed. Masson, 1999
Crepaldi C., Baritussio A. "Trattato di Medicina Interna" - Ed. Piccin Nuova Libraria S.P.A., 2002
Beers M.H. "Il Manuale Merck per la Salute" - Raffaello Cortina Editore 2003
Kidd E.A.M., Smith B.G.N., Watson T.F.  "Pickerd's Manual of Operative Dentistry" - Eighth Ed. Oxford Univ. Press 2003
Janis J. E. "Essentials of Plastic Surgery" - QMP, Inc. 2006
Jackson T.L. "Moorfields Manual of Ophthalmology" - Mosby Elsevier Ed. 2007
Caruso A. "Manuale di ginecologia ed ostetricia" - CIC Ed. Intern. 2008
Harrison's "Principles of Internal Medicine" - Mc Graw-Hill Ed. 2008
AA.VV. "Enciclopedia della medicina" - De Agostini 1990
Rothenberg Robert E. "Enciclopedia della medicina" - Garzanti 1998
Galimberti U. "Enciclopedia di psicologia" - Garzanti 1999





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016