La terapia di supporto viene usata anche per il malato oncologico

Menu


La terapia di supporto aiuta il malato oncologico a sopportare le terapie mediche

La terapia di supporto in oncologia, da non confondere con terapia palliativa.

Per terapia di supporto s'intende tutto quell'insieme di accorgimenti, quasi sempre farmacologici, che servono per far sopportare meglio le terapie mediche al malato oncologico, in particolare la chemioterapia e i farmaci biologici che adesso sempre più frequentemente vengono usati.

I farmaci antiemetici. Nella terapia di supporto ci sono stati rilevanti progressi.

In primo luogo la terapia antiemetica, per ridurre o far scomparire il vomito da chemioterapia; da notare che, oggi come oggi, non più del 10% dei pazienti ha questi problemi di vomito nelle prime tre giornate.

I fattori di crescita. Abbiamo poi tutti i fattori di crescita, sia per i globuli bianchi che per i globuli rossi; fino a qualche anno fa esisteva un limite assoluto che era costituito dal calo dei leucociti, ovvero l'anemizzazione dei pazienti; per questo motivo spesso dovevamo interrompere i trattamenti proprio per evitare questa complicanza.

Oggi sono disponibili dei farmaci che, se usati in maniera opportuna e abbastanza precocemente, ci permettono di limitare la leucopenia, cioè l'abbassamento dei globuli bianchi, cosa che in passato era causa di febbre e, in una certa percentuale, purtroppo anche di morte, specialmente quando l'infezione era dovuta a germi gram - negativi.

Oggi, con l'uso di queste sostanze, questi problemi ormai vivono solo nel ricordo.

Le eparine. Poi abbiamo le eparine; alcuni particolari tipi, se somministrati a scopo di prevenzione, specie adesso che usiamo molto i cateteri venosi centrali, evitano l'embolismo in tutti i fenomeni di trombosi. E anche questo è un grosso risultato.

Gli altri farmaci di supporto. Poi cè tutto quell'insieme di farmaci, che ogni malato conosce, che noi usiamo per proteggere le mucose dell'esofago e dello stomaco; inoltre ci sono tutte le terapie antidiarroiche che servono per contrastare la diarrea che si presenta a causa dei farmaci oncologici; per non parlare dei farmaci che servono a stimolare l'appetito.

Con i farmaci biologici abbiamo una tipologia nuova di eventi avversi dovuti all'ipertensione e alle tossicità cutanee; anche per questi, una volta scoperti i danni, provvediamo a curarne o comunque a limitarne gli effetti.

Il significato della terapia di supporto. Si tratta di tutto un insieme di farmaci che rende meno gravoso del passato le terapie mediche.

La terapia di supporto assume un'importanza sempre maggiore perché sempre di più portiamo il malato oncologico alla cronicizzazione della malattia e quindi a vivere più a lungo.

Online dal: 19/11/2012



Altri articoli




Autore

Laurea:
07/11/1969 - Medicina e Chirurgia (Roma)
Iscrizione all'albo:
24/06/1970 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Bari (Ordine della Provincia di Bari) n. 4477
Specializzazione:
08/11/1976 - Oncologia (Roma)
30/12/1974 - Medicina Interna (Parma)
Abilitazione
1969 - Medicina e Chirurgia (Roma)
P. Iva: 06171820720
Ultima modifica: 08/09/2015
Attività: Oncologia

Avvertenza agli utenti

Le informazioni contenute nello spazio che precede sono a carattere pubblicitario, e sono fornite e aggiornate autonomamente dall'iscritto che resta garante della veridicità e attendibilità scientifica; pertanto hanno un'utilità informativa e orientativa e non il carattere della prescrizione di trattamenti o sostituiscono una visita specialistica diretta con il proprio medico.

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti