Indietro

Prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale podologica erogabili dal servizio sanitario nazionale


Menu


Ortesi al silicone
Le ortesi sono dei presidi medici su misura atti a compensare, riequilibrare ed eventualmente correggere alterazioni strutturali e biomeccaniche del piede. Il silicone ci consente di realizzare l’impronta direttamente sul paziente. 
 
Ortesi v dito
Impedisce la formazione di callosità interdigitali che per la particolare situazione locale-umidità, sudorazione, macerazione, possono suppurare. 
 
Ortesi divaricatore I dito
Evita il contatto e lo sfregamento tra le prime due dita, condizione necessaria per la risoluzione del processo infettivo che accompagna l’ unghia incarnita o per alleviare il dolore causato dalle affezioni del solco ungueale laterale del I° dito (callosità peri e sub-ungueali, infiammazioni, lesioni ecc.)
 
Ortesi per dita a martello (callosità dorsali e apicali)
Favoriscono la scomparsa delle callosità formatesi sulla superficie dorsale delle dita e al loro apice, a seguito della particolare conformazione delle dita stesse.Con l’intervento ortesico si evita l’insorgere di un ulcera dorsale,inoltre lo stesso risultato può essere raggiunto creando un’ortesi di tipo protettivo, che evita il contatto tra calzatura e cute, o di tipo funzionale , che ristabilisce il corretto assetto delle dita stesse. Assenza di dolore, deambulazione più coordinata e con minori rischi di cadute, intervento chirurgico evitato, sono risultati conseguibili.
 
Ortesi alluce valgo
Ha la duplice finalità di rallentare l’evoluzione dell’alluce valgo, se applicata quando la patologia è all’esordio, e di ridurre la borsite che è presente quando la patologia è ormai conclamata. Non solo si possono risolvere i problemi connessi con la “cipolla” (callosità dolore, sovrapposizione di infezioni, con rischi maggiori per un paziente diabetico, difficoltà di trovare calzature adatte), ma si allontana l’eventualità di un intervento chirurgico che ancor oggi, per l’elevata frequenza delle recidive, non è risolutivo e che comunque esige tempi di degenza e di recupero lunghi.
 
Ortesi pluridigitali
Servono a riallineare le dita (es: dito sovraddotto), così impediscono i traumi da tra calzatura e dito e tra le dita stesse.
 
Ortesi plurisottodigitali
Favoriscono la scomparsa delle callosità formatesi sulla superficie apicale delle dita dovuta alla deviazione a griffe delle dita interessate.
 
Ortesi plantari personalizzate
L’ortesi plantare è un dispositivo medico su misura atto a riequilibrare l’appoggio plantare,l’assetto meccanico del piede e la deambulazione in generale. Per il soggetto diabetico in particolare il plantare deve avere una funzione di scarico dei picchi pressori, deve assicurare zone morbide di appoggio e riequilibrare l’assetto podalico.
 
Esame baropodometrico
Si tratta delle analisi computerizzata dell’appoggio plantare e del passo (è in grado di evidenziare squilibri biomeccanici altrimenti impercettibili che possa ripercuotersi anche su altre zone del corpo: bacino , colonna vertebrale. L’esatta quantificazione della distribuzione del carico ponderale sulle varie parti del piede, risulta particolarmente utile nei diabetici poiché consente di prevenire, con opportuna ortesi di scarico, le temibili ulcerazioni che non infrequentemente esitano in un’ amputazione , con conseguente invalidità permanente e altissimi costi anche sociali).

Pubblicato il 01/12/2010

Modificato il 01/12/2010

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/06/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti