Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Endometriosi nei LEA 2017 tra le malattie croniche

Indietro

Endometriosi nei LEA 2017 tra le malattie croniche

Endometriosi nei LEA 2017
Endometriosi nei LEA 2017 tra le malattie croniche - fotolia.it






vota


I LEA 2017 sono in vigore dal 18 marzo e tra le novità più rilevanti c’è l’inserimento dell’endometriosi nell’elenco delle malattie croniche. Si tratta di un riconoscimento importante perché dà a 3 milioni di donne italiane il diritto di accedere gratuitamente ad alcuni esami medici.

 

I numeri della malattia

L’endometriosi è una patologia cronica e invalidante che si manifesta quando il tessuto dell’endometrio si trova in parti del corpo diverse dalla sua sede naturale, l’utero. Colpisce il 10-15% delle donne in età fertile compromettendone la capacità di procreare, una percentuale che l’OMS esplicita in 150 milioni di donne nel mondo delle quali 14 milioni in Europa e 3 milioni in Italia.

 

I dolori provocati dalla malattia costringono chi ne soffre a esentarsi dal lavoro e dalle attività quotidiane durante il ciclo mestruale. È una condizione che si traduce in alti costi personali e sociali per le ore di permesso richieste al datore di lavoro e per le spese sanitarie da affrontare.

 

Se diventerà legge, la proposta di congedo mestruale tutelerebbe le donne costrette ad assentarsi a lavoro, mentre la presenza dell’endometriosi tra le malattie croniche riconosciute dai LEA 2017 aiuta le pazienti ad affrontare le spese mediche per gli esami necessari.

 

Chi può chiedere l’esenzione dal ticket e come si fa

I nuovi LEA permettono l’esenzione dal pagamento di alcune prestazioni specialistiche solo alle donne con endometriosi al 3° e 4° stadio, dunque a un livello avanzato della patologia, quello che richiede interventi sanitari più costosi.

 

Accertata la presenza della malattia, lo specialista deve sottoscrivere un certificato che attesti lo stadio avanzato dell’endometriosi e consegnarlo alla paziente che deve presentarlo all’Asl per richiedere il codice di esenzione. A questo punto, è possibile eseguire gratis la visita ginecologica una volta ogni 6 mesi e fare, sempre gratuitamente, le ecografie necessarie come quella transvaginale, transrettale e ad addome superiore e inferiore.

 

Le associazioni delle pazienti ritengono che c’è bisogno di altri provvedimenti legislativi e sanitari ma riconoscono che in Italia si stanno facendo molti progressi per andare incontro alle esigenze delle 3 milioni di donne con endometriosi.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 02/06/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.