Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Ipotiroidismo: terapia più efficace con la levotiroxina liquida

Indietro

Ipotiroidismo: terapia più efficace con la levotiroxina liquida








vota


Si stima che in Italia circa 6 milioni di persone soffrono di patologie alla tiroide, e di queste gran parte riguardano l’ipotiroidismo, ossia un’insufficiente secrezione ormonale da parte della tiroide.

Per sopperire alla scarsa funzionalità tiroidea, la terapia più indicata è l’assunzione di levotiroxina in compresse. Si tratta di una cura quotidiana e costante – dura tutta la vita – che, in alcuni casi, può avere delle piccole ma fastidiose controindicazioni:

– la compressa di levotiroxina deve essere assunta al mattino e circa un’ora prima della colazione. Secondo i dati Doxa, però, il 66% dei pazienti fa trascorrere meno di mezz’ora tra l’assunzione della compressa e il momento della colazione azzerando, di fatto, gli effetti della medicina

– la compressa ha bisogno di dissolversi nello stomaco prima di permeare nell’intestino, e non sempre il passaggio è indolore. Spesso, infatti, il farmaco provoca reazioni spiacevoli a livello gastro-intestinale

– la levotiroxina può interferire con i farmaci antiacidi per la digestione, e questo mette in evidenza un legame tra ipotiroidismo e disturbi gastrointestinali

– la dose della compressa che aiuta la tiroide a secernere la giusta quantità di ormone T4 deve essere periodicamente calibrata: una quantità maggiore o minore rispetto alle reali necessità, può provocare squilibri anche importanti e accentuare i già esistenti effetti dell’ipotiroidismo.

Per lenire queste controindicazioni e andare incontro alle esigenze di chi convive con l’ipotiroidismo, la ricerca scientifica sta lavorando alla formulazione della levotiroxina liquida. Rispetto alle compresse, la levotiroxina liquida avrebbe numerosi vantaggi:

– l’intestino assorbirebbe direttamente il principio attivo

– non ci sarebbero le interferenza tra l’assunzione della levotiroxina liquida e l’eventuale cibo ingerito subito dopo il farmaco

– la quantità di levotiroxina liquida non avrebbe bisogno di essere ricalibrata periodicamente perché il farmaco sarebbe in monodose

– i pazienti avrebbero molti più benefici che spiacevoli effetti collaterali.

La levotiroxina liquida sarebbe dunque un’ottima alternativa alla compressa, ma nell’attesa di conoscere i risultati della ricerca, è possibile seguire gli aggiornamenti in merito sul sito tiroide.com, oltre che i consigli di un esperto endocrinologo.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 28/09/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.