Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • La solitudine facilita la creatività: è davvero così? E perché?

Indietro

La solitudine facilita la creatività: è davvero così? E perché?

Solitudine e creatività
Solitudine e creatività






vota


La vita di molti artisti è caratterizzata dalla sofferenza ma, soprattutto, dalla solitudine. Dall’osservazione delle personalità più originali, innovative e solitarie, è così emersa la convinzione che le persone solitarie sono quelle più creative. Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Nastasi se è davvero così e perché, questa è la sua risposta:

 

“Nel corso della vita ognuno di noi prova l’esperienza della solitudine, ma non esiste un solo tipo di solitudine.
La solitudine che fa paura genera solo sofferenza perché crea una sensazione di vuoto, di mancanza, di tristezza.

 

L’isolamento voluto e ricercato, invece, facilita la creatività perché permette di entrare in contatto con i propri sentimenti più intimi, riorganizzare le idee, uscire dalla razionalità, aumentare le capacità intellettuali, trovare l’intimità che consente di creare, di crescere, di cercare, di contattare il sé più profondo.

 

Per aprirsi alla creatività, dunque, è necessario acquisire la capacità di fare un uso costruttivo della solitudine. Molti artisti e creativi ricercano la solitudine che, incentivando la crescita dell’immaginazione creativa, può aiutarli a produrre il loro lavoro migliore.”

 

Vuoi indagare altri aspetti della solitudine? Contatta la Dott.ssa Giovanna Maria Nastasi e suggeriscici un nuovo argomento.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Psicologia
Forum Psichiatria



3 commenti

  1. Francesco ha detto:

    La solitudine nel lavoro creativo non è sempre necessaria, nella mia esperienza è stata una condizione ottimale in cui ho potuto rendere al massimo. Il confronto e gli stimoli che possono dare gli altri sono importanti e ne lavoro di gruppo si affina meglio un progetto, soprattutto dal punto di vista commerciale. Però la genuinità e la completezza dell’espressione creativa si esprime al massimo nella concentrazione della solitudine. Ho conosciuto persone che lavorano in gruppo, tra i designer è diffuso, così esprimono una sintesi di varie creatività individuali per esigenze imposte dal mercato..

  2. Franceso ha detto:

    Parole sante! I migliori risultati delle mie creazioni e le migliori innovazioni sono nate dalla giusta solitudine, quella che viene indicata nell’intervista dalla Dottoressa. Infatti essere in solitudine non vuol dire essere soli, ma assimilare gli stimoli e le sollecitazioni esterne ed elaborarle con la giusta concentrazione. La creatività aumenta e migliora, Parola di designer!

    • Il Blog di ABCsalute.it ha detto:

      Buongiorno Francesco,
      quindi secondo la tua esperienza pensi che la solitudine sia necessaria per le persone che svolgono lavori creativi? Siamo curiosi di sapere se nella tua esperienza hai incontrato colleghi o altri creativi che lavorano bene anche senza “isolarsi”.
      Grazie per il tuo contributo al post e alla discussione.


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti