Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Una tira l’altra: le ciliegie, frutti ricchi di salute

Indietro

Una tira l’altra: le ciliegie, frutti ricchi di salute

Le proprietà benefiche delle ciliegie
Proprietà benefiche delle ciliegie - www.istockphoto.com






vota


La ciliegia è un frutto che mette d’accordo tutti, grandi e bambini, amanti e meno della frutta. Il sapore dolce dal retrogusto acidulo fa delle ciliegie uno snack ideale per gli spuntini durante la giornata a patto che si riesca a porsi un limite, perché è vero che le proprietà benefiche delle ciliegie sono numerose ma non mancano le controindicazioni.

 

Origine e varietà delle ciliegie

Sebbene non sia certo quale sia il loro paese d’origine, si è concordi nell’affermare che le ciliegie sono un frutto originario dell’Est in generale e dell’Asia in particolare, giunte in Italia grazie a Lucullo e per questo note come luculliane. Oltre a essere buone e sane, le ciliegie sono anche molto belle a vedersi: l’ammirazione dei giapponesi per i ciliegi in fiore è tale da dare vita a un rito annuale, l’hanami letteralmente guardare i fiori, un evento che ogni anno richiama turisti da tutto il mondo.

 

Il ciliegio è un albero della famiglia delle rosacee di cui esistono due specie che danno diverse varietà del frutto: il Prunus avium detto anche ciliegio dolce e il Prunus cerasus detto ciliegio acido. Il ciliegio dolce produce due qualità del frutto, le tenerine rosse a polpa tenera e le duracine con polpa croccante di colore rosso scuro o chiaro. Dal ciliegio acido nascono tre apprezzate varietà di ciliegie: le amarene, le marasche e le visciole. A questa classificazione di massima si aggiungono numerose sottovarietà.

 

In linea di massima, 100 g di ciliegie contengono: 38kcal/158 kj, acqua 86,20 g, carboidrati g, zuccheri solubili 9g, proteine 0,8g, grassi 0,1g, colesterolo 0g, fibra totale 1,30g, sodio 3mg, potassio 229mg, ferro 0,60mg, calcio 30mg, fosforo 18mg, vitamina B1 0,03mg, vitamina B2 0,03mg, vitamina B3 0,50mg, vitamina C 11 mg.

 

Perché le ciliegie fanno bene

Le proprietà benefiche delle ciliegie sono davvero tante. In un frutto di piccole dimensioni si concentrano notevoli quantità di vitamine del gruppo A, B, C ed E che conferiscono benessere a occhi, denti, ossa, pelle e cuore. Le vitamine del gruppo A e C stimolano la produzione di collagene, un toccasana per la pelle che, nel tempo, perde tono a causa della progressiva diminuzione di collagene da parte del nostro organismo. La proprietà stimolante del collagene unita all’azione antiossidante dei flavonoidi, fa della ciliegia un frutto capace di contrastare i radicali liberi responsabili del processo d’invecchiamento della pelle e dei disturbi di varia natura, come quelli cardiovascolari. Le ciliegie sono ricche di magnesio, fosforo, calcio, ferro, sodio, zinco, rame e potassio che contribuisce a normalizzare la pressione.

 

La più nota delle proprietà benefiche delle ciliegie è probabilmente l’azione antinfiammatoria, diuretica e antireumatica, tanto che ricorre alle ciliegie chi soffre di cistite, ritenzione idrica, reumatismi e disfunzioni renali. La ciliegia è una delle poche fonti naturali di melatonina per questo, a chi soffre di insonnia, si consiglia di mangiarne qualcuna prima di andare a dormire.

Inoltre, la ciliegia contiene il levulosio, uno zucchero che i diabetici possono assumere salvo diversa indicazione medica.

 

Controindicazioni e curiosità delle ciliegie

Alcune delle proprietà benefiche delle ciliegie possono dare origine a effetti indesiderati. Un consumo moderato di ciliegie è consigliato a chi ha disturbi di stipsi ma è controindicato prima dei 3 anni di età perché potrebbero favorire episodi di diarrea. È bene anche non esagerare con il mangiare ciliegie durante la giornata perché la melanina in essa contenuta potrebbe dare sonnolenza ben prima delle ore serali.

 

Infine, la ciliegia è senza dubbio un frutto di cui non si butta niente: i peduncoli, meglio se di un verde brillante perché segno di freschezza, sono usati per tisane e decotti diuretici, mentre i noccioli sono usati per la preparazione di cuscini terapeutici: basta riempire un sacchetto di tessuto con noccioli di ciliegie, cucirlo e scaldarlo in forno per qualche minuto per avere una sorta di fagotto caldo da tenere sulla zona dolorante del corpo e trovare ristoro.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Scienza dell' alimentazione



Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 11/07/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.