Indietro

Informati su un esame, un trattamento, una prestazione sanitaria

Visita otorinolaringoiatrica


La visita otorinolaringoiatrica serve a evidenziare la presenza di patologie che interessano orecchio, naso e gola. Queste sono tre parti del corpo connesse tra loro, per cui spesso accade che un disturbo relativo all’orecchio si diffonda anche al naso e alla gola o viceversa.

Il medico che stabilisce la salute del tratto otorinolaringoiatrico – orecchio, naso, gola – è l’otorinolaringoiatra anche detto più semplicemente otorino. La prima fase della visita prevede l’anamnesi per conoscere la storia clinica attuale e passata del paziente, la presenza di eventuali malattie familiari e per sapere se il paziente ha seguito o sta seguendo una terapia farmacologica. L’anamnesi si conclude con la richiesta da parte del medico di esprimere le difficoltà che hanno spinto il soggetto a prenotare una visita otorinolaringoiatrica.

Dopo aver raccolto tutte le informazioni di cui ha bisogno, l’otorino comincia a esaminare il tratto orecchio-naso-gola servendosi di strumenti e tecniche più adatte al caso. Uno dei più diffusi è l’esame impedenzometrico che si esegue per analizzare le patologie dell’orecchio e in modo particolare l’ipoacusia.

Grazie all’impedenzometria, l’otorinolaringoiatra stabilisce il grado di salute dell’udito in base ad alcuni parametri standard, prima tra tutti l’impedenza. L’impedenza è anche detta resistenza, e si può definire il contrario dell’elasticità perché, quando arriva l’onda sonora, la membrana timpanica e i tre ossicini martello, incudine e staffa si oppongono al suo passaggio.
Al funzionamento dei 3 ossicini è legato l’altro parametro che il medico indaga, cioè il grado e la qualità dei riflessi del muscolo stapedio che esprime la funzionalità di martello, incudine e staffa.

L'esame impedenziometrico è dunque utile per studiare la funzionalità della via acustica centrale (nervo acustico e nuclei), e per individuare eventuali patologie dell’orecchio medio, come l’otosclerosi o la presenza di catarro.
L'impedenzometria è un esame ambulatoriale che dura pochi minuti ed è indolore per il paziente.


Approfondisci l'argomento Visita otorinolaringoiatrica





Esame audiovestibolare

L’esame audiovestibolare è un test svolto dall’otorinolaringoiatra per analizzare la natura delle vertigini lamentate dal paziente. Il medico invita il paziente ad entrare in una cabina insonorizzata e a indossare un paio di cuffie a cui arriva un suono, dopo di che si chiede al paziente di premere un pulsante ogni volta che sente il suono. 


L’esame serve a misurare la soglia di minima udibilità, cioè il valore di pressione sonora minimo percepito dal soggetto. Il medico legge l’esito dell’esame audiovestibolare e, attraverso una siringa senza ago o un apposito irrigatore, introduce dell’acqua fredda o tiepida nell’orecchio del paziente e osserva i movimenti volontari e involontari del soggetto. 
Le informazioni ricavate servono a definire la presenza di eventuali anomalie quantitative e qualitative nella funzionalità del labirinto, dunque la natura e l’intensità della vertigine.



Video oculoscopia

La video oculoscopia è una tecnica usata dall’otorinolaringoiatra per indagare le caratteristiche del nistagmo – movimento ondulatorio involontario dei bulbi oculari – ed è importante per diagnosi e cura delle vertigini

Coclea, labirinto e nervo acustico sono le responsabili dell’equilibrio, e dunque le parti del corpo da esaminare in caso di squilibrio e vertigini. Per valutare il loro corretto funzionamento, si ricorre a esami specifici come, appunto, la video oculoscopia. 

Come si esegue?
La video oculoscopia consiste nella ripresa e registrazione dell'immagine di un occhio alla volta o di entrambi contemporaneamente, per verificare la qualità del nistagmo. Questo esame permette di stabilire la qualità del movimento nelle direzioni orizzontale, verticale e torsionale, senza limiti per l'ampiezza delle rotazioni oculari. Anche per questo è molto usato nelle indagini sulla funzionalità vestibolare.



Otomicroscopia

Cos'è l'otomicroscopia?
L'otomicroscopia è l’osservazione del condotto uditivo e della membrana timpanica attraverso un microscopio che ne ingrandisce le dimensioni. Questo permette al medico di esaminare tutti i dettagli dell’orecchio interno, anche quelli più piccoli e difficili da analizzare.

A cosa serve?
L’otomicroscopia si usa per curare le infezioni auricolari e liberare l’orecchio da eventuali secrezioni, come per esempio essudati, pus o tappi di cerume. Rispetto ad altre tecniche, infatti, l’otomicroscopia consente manovre di pulizia più agevoli ed efficaci.

Quali altri esami affiancano l'otomicroscopia?
La videotoscopia, cioè l’uso di un endoscopio collegato a una microcamera che permette di filmare e fotografare l’orecchio e il condotto uditivo in modo da mostrare al paziente eventuali anomalie e alterazioni, e di dare al medico materiale da archiviare e confrontare durante i successivi controlli. La videotoscopia, inoltre, consente all'otorinolaringoiatra di indagare nelle aree di difficile accesso per l’otomicroscopia.



Esame stabilometrico

L'esame stabilometrico, o stabilometria, valuta le oscillazioni del paziente in piedi e da fermo. Per mantenere la postura ferma in equilibrio, infatti, il corpo fa delle oscillazioni impercettibili che allo sguardo dello specialista possono rilevare la presenza di vizi posturali o altri disturbi come vertigine e asimmetrie dovute, per esempio, a colpi di frusta o cervicale.

Per eseguire la stabilometria, l’otorinolaringoiatra usa la pedana stabilometrica, un piano dotato di sensori che captano, registrano e trasmettono in tempo reale su uno schermo le pressioni in avanti, indietro e laterali che il paziente fa per tenersi in equilibrio da fermo.

È un esame semplice e indolore che in genere dura 1 minuto circa e che può essere ripetuto per verificare i risultati ottenuti in quello precedente. La stabilometria è molto usata per verificare l’incidenza delle vertigini sull’equilibrio o le conseguenze di malattie come l'artrosi cervicale.



Acufenometria

È  un esame che serve a misurare la frequenza e l'intensità dell'acufene, in modo particolare il tono del distrubo percepito dal paziente.

L'acufenometria si esegue con un comune audiometro.




Da NOTIZIE PER LA SALUTE , BLOG e ATLANTE ANATOMICO

Laser Chirurgia del Russamento

Il russare è sempre stato oggetto di ilarità e scherno oltre che fonte di disturbo per il partner e origine di conflitti familiari. Questo rumore viene prodotto, durante...

Prevenzione del Tumore della Laringe

Oggi un semplice esame consente una diagnosi precossima del cancro della laringe   ll cancro della laringe colpisce prevalentemente il sesso maschile tra i 40 ed i 60...

Russare

Cosa si intende per russare e apnea ostruttiva notturna?   Il russare è un rumore prevalentemente inspiratorio, legato ad una vibrazione di strutture presenti in faringe...

Come riconoscere i sintomi della sinusite e curarli

In un precedente articolo abbiamo descritto quali sono le cause e le tipologie della sinusite. Adesso capiamo quali possono essere i sintomi.   I sintomi della sinusite. Nelle...




ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 09/12/2016