Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
claudiobs
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 5
ciao Valeria,ti ho mandato una mail privata.
Ci sentiamo...
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
https://www.youtube.com/watch?v=KTPJfkFs_VA



https://www.youtube.com/watch?v=KTPJfkFs_VA

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
amminicolo
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
mi aggiungo anch'io, 50 anni di Novara, che dire, sofferenza dal 1985 (primi commodore 64), iniziamo strabismo dalla nascita, (fatto occlusioni) dovuto ad una febbre, ipermetropia grave 5,50 con 1.00 astigmatismo occhio sx ambliope, occhio dx primario +2.00 con 0,50, operato di strabismo nel 1983, congiuntivite giganto papillare da LAC nel 1985, lacrimazione rovinata molto scarsa, provato di tutto da restasis a lacrime al plasma, non servono a niente, diplopia dal 1988, operato da Gracis nel 1991, non risolto nulla, rioperato da Gracis con Dottoressa Cattini nel 1997 a tutti e due gli occhi, miglioramento della diplopia (ma non risoluzione), operato nel 2007 sia occhio destro che sinistro con lenti intraoculari IOL, vista ottima, però dal 2010 operato a dx occhio buono di cattarata, oggi visione 10/10 a dx e ambliopia a sx 5/6 /10. Morale, mi hanno dato sempre grandi problemi i prodotti tecnologici, tipo televisori lcd, computer e telefoni di nuova generazione, io dopo pochi minuti, mando in tilt il sistema visivo, ho stanchezza, visione, doppia, visione scontrollata, comfort visivo assolutamente non ideale, affaticamento, alterazioni del vitreo, occhiali sempre da pulire, nausea, problemi di equilibrio, il mio problema è da quando mi stacco dal computer la mia visione è pessima, per tutta la giornata, la stanchezza la sonnolenza, la fanno da padrone. Aggiungo che uso un cellulare del 2000, che uso dei televisori, a tubo catodico, come il monitor che uso in questo momento. Ho provato di tutto dalla ginnastica correttiva, alla migliore ortottista che c'e' a Milano, dal miglior oculista di Milano, provare con un occhio solo, insomma conosco amici strabici, super ipermetropi, che non hanno problemi ad usare il PC, io uso un ipad, e sono in crisi dopo pochi minuti. Nessuno a mai risolto nulla, fondo dell'occhio perfetto, retina PEV ok PEG ok (lievi alterazioni) nervo ottico a posto, si ho fatto tanti pasticci, ma portare i due occhi a pari era l'unica soluzione. Se non uso i PC sto meglio, non mi sogno neanche di comprare un LCD, sono molto preoccupato per il futuro.
Se qualcuno ha soluzioni sono a disposizione.
Grazie
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
HOME » OCULISTICA
ELEUTEROCOCCO ED ASTENOPIA ACCOMODATIVA
PUBBLICATO IL: 12/06/2012 10:39
L'ELEUTEROCOCCO, NOME ELEUTHEROCOCCUS SENTICOSUS O ACANTHOPANAX SENTICOSUS, È UNA PIANTA DI ORIGINE ASIATICA (SIBERIA, MONGOLIA E CINA) APPARTENENTE ALLA FAMIGLIA DELLE ARIALACEE; L'ARBUSTO È SPINOSO, HA FOGLIE PALMATE E PUÒ RAGGIUNGERE UN'ALTEZZA DI CIRCA 3 METRI. L'ELEUTEROCOCCO (RARAMENTE CIWUJA) È NOTO ANCHE COME GINSENG SIBERIANO, MA A DISPETTO DEL NOME ESSO NON È UNA VARIETÀ DI GINSENG; IL VERO GINSENG INFATTI COMPRENDE DUE VARIETÀ, QUELLA AMERICANA, NOME SCIENTIFICO PANAX QUINQUEFOLIUM, E QUELLA CINESE, NOME SCIENTIFICO PANAX GINSENG.

ELEUTEROCCO E GINSENG SONO PRODOTTI ERBORISTICI LE CUI INDICAZIONI SONO PRATICAMENTE LE STESSE NONOSTANTE LA DIVERSITÀ DEI LORO PRINCIPI ATTIVI. NELL'ELEUTEROCOCCO I COMPONENTI ATTIVI, DENOMINATI ELEUTEROSIDI, SONO CONTENUTI NELLA RADICE. IL GINSENG SIBERIANO È RITENUTA PIANTA DALLE CARATTERISTICHE ADATTOGENE (ADATTOGENO È UN TERMINE CONIATO VERSO LA FINE DEGLI ANNI '50 DA DUE RICERCATORI RUSSI, I. I. BREKHMAN E I. V. DARDYMOV, CHE DEFINIRONO IL FATTORE ADATTOGENO COME FATTORE NON IN GRADO DI PROVOCARE SE NON MINIMI DISORDINI NELLE FUNZIONI FISIOLOGICHE DELL'ORGANISMO, DOTATO DI AZIONE NORMALIZZANTE ASPECIFICA E INDIPENDENTE DALLA DIREZIONE DELLO STATO PATOLOGICO) E QUINDI IN GRADO DI AUMENTARE LA RESISTENZA DELL'ORGANISMO A FATTORI STRESSANTI (SIA FISICI CHE PSICHICI). L'ELEUTEROCOCCO ASSURSE AGLI ONORI DELLE CRONACHE NEI PRIMI ANNI '70 IN QUANTO FU UTILIZZATO DAGLI ATLETI DELLA SQUADRA OLIMPICA RUSSA DURANTE I GIOCHI OLIMPICI SVOLTISI A MONACO NEL 1972 (MA SE: SE FUNZIONAVA, PERCHÉ A LIVELLO ASSOLUTO SI CESSÒ DI USARLO? INTERPRETAZIONE: DARE IL MERITO A UN INTEGRATORE LECITO QUANDO SI USA QUALCHE SOSTANZA NON CONSENTITA È PRASSI COMUNE). SEMBRA SIA STATO SOMMINISTRATO ANCHE AI COSMONAUTI RUSSI DURANTE LE LORO MISSIONI NELLO SPAZIO. L'ELEUTEROCOCCO AGISCE SULLE GHIANDOLE SURRENALI, DIMINUENDO IL CONTENUTO INTRAGHIANDOLARE DI COLESTEROLO E DI VITAMINA C, AUMENTANDO LA PRODUZIONE DI ORMONI SURRENALICI. ALCUNI ELEUTEROSIDI SI LEGANO AI RECETTORI DEI GLICOCORTICOIDI, DEI PROGESTINICI, DEI MINERALCORTICOIDI E DEGLI ESTROGENI. L'ELEUTEROCOCCO È CAPACE DI STIMOLARE LA SINTESI PROTEICA A LIVELLO DEL FEGATO, DEL PANCREAS E DELLA CORTECCIA SURRENALICA, AZIONE ANABOLIZZANTE PROBABILMENTE LEGATA A UN AUMENTO DELL'ORMONE DELLA CRESCITA. A LIVELLO CARDIACO, SI È OSSERVATO UN AUMENTO DEL NUMERO DI MITOCONDRI NELLE FIBROCELLULE MUSCOLARI MIOCARDICHE E CIÒ POTREBBE SPIEGARE UN AUMENTO DELLA PRESTAZIONE FISICA (I MITOCONDRI SONO COINVOLTI NELLA PRODUZIONE DI ATP PER OSSIDAZIONE DEL SUBSTRATO CON L'OSSIGENO MOLECOLARE). L'ELEUTEROCOCCO AIUTA IL SISTEMA IMMUNITARIO, CON STIMOLAZIONE DEI PROCESSI DI FAGOCITOSI DEI MONOCITI E DEI GRANULOCITI E DELLA LORO CHEMIOTASSI E CON UN MODERATO AUMENTO DEI LIVELLI DI INTERFERONE. DA QUESTE PREMESSE SEMBREREBBE RAGIONEVOLE PENSARE CHE STUDI CLINICI DIMOSTRINO AMPIAMENTE L'AZIONE ADATTOGENA DELL'ELEUTEROCOCCO. IN REALTÀ NON È COSÌ POICHÉ, TRANNE I VECCHI STUDI SOVIETICI (NON SI SA FINO A CHE PUNTO SPINTI DAL REGIME PER PROMUOVERE L'OPEROSITÀ), STUDI RECENTI NON HANNO MOSTRATO NULLA DI SIGNIFICATIVO. I VECCHI STUDI - LA SOMMINISTRAZIONE DI ESTRATTO ACQUOSO DI ELEUTEROCOCCO PER DUE MESI ALL'ANNO A UN CAMPIONE DI 1.200 OPERAI RIDUCEVA DEL 30% LE GIORNATE DI LAVORO PERSE PER MALATTIA. UN'ALTRA RICERCA SOVIETICA HA EVIDENZIATO UN INCREMENTO DELLA CAPACITÀ LAVORATIVA (MISURATA NON SI SA COME) DEL 7,5%. IN GIAPPONE UNO STUDIO SU ATLETI HA MOSTRATO UN INCREMENTO DELL'INTENSITÀ DELLO SFORZO MASSIMALE DEL 23%, DELLA RESISTENZA ALLO SFORZO MASSIMALE DEL 16,3% E DEL CONSUMO DI OSSIGENO DEL 12%. STUDI PIÙ RECENTI - GLI STUDI SOPRACCITATI HANNO FATTO SÌ CHE ATTORNO AGLI ANNI '80 E '90 SI ESEGUISSERO STUDI PIÙ SERI CHE COINVOLGESSERO CAMPIONI MEGLIO SELEZIONATI E PIÙ CONTROLLATI. UNO STUDIO HA COINVOLTO 20 MARATONETI (1 G DI ESTRATTO SECCO DI ELEUTEROCOCCO AL GIORNO O UN PLACEBO PER 2 MESI). AL TERMINE DELLA RICERCA NON SI SONO NOTATE DIFFERENZE FRA I DUE GRUPPI E QUINDI LA RICERCA NON HA CONFERMATO LE PROPRIETÀ DI AZIONE SULLA RESISTENZA. UN'ALTRA RICERCA HA COINVOLTO UN GRUPPO DI 9 CICLISTI PROFESSIONISTI (ELEUTEROCOCCO IN RAGIONE DI 1,2 G/DIE O, ALTERNATIVAMENTE, UN PLACEBO PER 7 GIORNI). NON SI È NOTATO NESSUN MIGLIORAMENTO DI MASSIMO CONSUMO DI OSSIGENO, FREQUENZA RESPIRATORIA, FREQUENZA CARDIACA, LATTACIDEMIA E LA GLICEMIA. UNO STUDIO SU UN GRUPPO DI ATLETI SEMIPROFESSIONISTI (2 G DI RADICE ESSICCATA VS. PLACEBO PER SEI SETTIMANE) NON HA EVIDENZIATO NESSUNA DIFFERENZA NEI CALORI DI CELLULE COLLEGATE ALLE FUNZIONI IMMUNITARIE (CELLULE T TOTALI, T HELPER (CD4), T SUPPRESSOR (CD, RATIO CD4/CD8, CELLULE NK E B LINFOCITI) MENTRE HA MOSTRATO UN INCREMENTO DELLA CORTISOLEMIA DEL 31% E UN DECREMENTO DELLA TESTOSTERONEMIA DEL 7%.

EFFETTI DIMOSTRATI
GLI STUDI RECENTI SEMBRANO DIMOSTRARE CHE L'ELEUTEROCOCCO PUÒ AGIRE COME ANTISTRESS IN TUTTI QUEI SOGGETTI CHE NON HANNO UNA RISPOSTA CORRETTA ALLO STRESS (BASSI LIVELLI DI CORTISOLO) SIA IN SEGUITO A UN CATTIVO STILE DI VITA SIA IN SEGUITO A PROBLEMI INDIVIDUALI. CIÒ SPIEGA PERCHÉ IN SOGGETTI NORMOREAGENTI ALLO STRESS LA SUA AZIONE È MARGINALE.

AVVERTENZE
CON SOMMINISTRAZIONE PROLUNGATA PUÒ CAUSARE INSONNIA, IRRITABILITÀ, ECCITAZIONE, TACHICARDIA E TACHIPNEA; PER QUESTO MOTIVO SI È SOLITI CONSIGLIARE DI LIMITARE L'ASSUNZIONE AL MASSIMO PER DUE MESI. PER EVITARE I SOPRACCITATI EFFETTI COLLATERALI, L'ELEUTEROCOCCO NON VA MAI SOMMINISTRATO NELLE ORE SERALI. È SCONSIGLIATO L'USO NEI SOGGETTI IPERTESI E NEI BAMBINI AL DI SOTTO DEI 12 ANNI DI ETÀ.

DOSE EFFICACE
LE DOSI CONSIGLIATE IN GENERE VANNO DA 2 A 3 G, EQUIVALENTI A 2-3 MG DI ELEUTEROSIDE E.

A CHI SERVE
NON SONO STATE CONFERMATE LE PROPRIETÀ ANTINVECCHIAMENTO, ANTIOSSIDANTI E IMMUNOSTIMOLANTI, NÉ QUELLE RELATIVE ALL'INCREMENTO DELLA FORZA FISICA E DELLA RESISTENZA. L'USO DELL'ELEUTEROCOCCO SEMBRA QUINDI CONSIGLIABILE SOLO IN TUTTI QUEI CASI IN CUI IL SOGGETTO HA UNA RISPOSTA ALLO STRESS DIMINUITA IN OCCASIONE DI EVENTI STRESSANTI (TIPICAMENTE, LA PREPARAZIONE AGLI ESAMI); L'AZIONE DELL'ELEUTEROCOCCO DEVE RITENERSI COMUNQUE PROVVISORIA, PROBABILMENTE PER MECCANISMI DI ASSUEFAZIONE.

IN OFTALMOLOGIA PUÒ ESSERE USATO PER L'ASTENOPIA ACCOMODATIVA
L'ASTENOPIA ACCOMODATIVA È UNA SINDROME CLINICA, CAUSATA DA UN DISAGIO NELLA VISIONE, CHE SI MANIFESTA CON UN INSIEME DI SINTOMI E SEGNI IN PREVALENZA OCULARI MA ANCHE GENERALI". SI CONSIGLIA IN QUESTI CASI SEMPRE UNA VISITA REFRATTIVA OCULISTICA IN CICLOPLEGIA IL TERMINE CICLOPLEGIA NULL'ALTRO SIGNIGICA CHE PARALISI DEL MUSCOLO CILIARE CON CONSEGUENTE PARALISI DELL'ACCOMODAZIONE. LA DECONTRAZIONE DEL MUSCOLO CILIARE INDUCE UN AUMENTO DEL DIAMETRO DELLO SFINTERE METTENDO IN TENSIONE I LEGAMENTI ZONULARI CHE ESERCITANO TRAZIONE SULL'EQUATORE DEL CRISTALLINO CON APPIATTIMENTO DELLE SUPERFICI ANTERIORI E POSTERIORI. IL POTERE DIOTTRICO DEL CRISTALLINO RAGGIUNGE IL SUO MINIMO. TALE SITUAZIONE DEFINITA DISACCOMODAZIONE È IDONEA PER UN OCCHIO EMMETROPE ALLA MESSA A FUOCO SULLA RETINA DI RAGGI PROVENIENTI DALL'INFINITO (CHE PER L'UOMO È DA CONSIDERARSI OLTRE I SEI METRI). VICEVERSA LA CONTRAZIONE DEL MUSCOLO CILIARE CORRISPONDE ALLO STATO DI ACCOMODAZIONE PER VEDERE VICINO: CIOÈ ALL'ACQUISIZIONE DA PARTE DEL CRISTALLINO DELLA MASSIMA POTENZA RIFRATTIVA. QUESTA CAPACITÀ ACCOMODATIVA NON SI MANTIENE INTATTA PER TUTTA LA VITA: PER UN OCCHIO EMMETROPE (CIOÈ CHE NON SIA MIOPE, IPERMETROPE O ASTIGMATICO) DALL'ETÀ INFANTILE IN CUI RAGGIUNGE POTERI DI OLTRE 10 TENDE PROGRESSIVAMENTE A RIDURSI: AI 40 ANNI È DI 3 1/2 AI 45 DI 2 1/2, AI 50 ANNI DI 1 1/2, AI 55 DI 1/2 . QUINDI CAPISCE CHE LA CICLOPLEGIA NON È UNA GOCCIA E VAI,ALTRIMENTI IN QUESTI MODI I FALSI POSITIVI DA SPASMI ACCOMODATIVI PIÙ O MENO MARCATAI FANNO AVERE VALORI FLUTTUANTI REFRATTIVI E QUNDI NON VERI!!!!

LE MANIFESTAZIONI DELL'ASTENOPIA ACCOMODATIVA POSSONO ESSERE RIASSUNTE IN:
1. SINTOMI VISIVI
- FOTOFOBIA
- RIDUZIONE ACUITÀ VISIVA
- VISIONE SFUOCATA
- VISIONE DOPPIA
- MIOPIZZAZIONE TRANSITORIA
- TRANSITORIO ALLONTANAMENTO DEL PUNTO PROSSIMO
- COMPARSA O AUMENTO DELLE FORIE
- ALONI COLORATI
2. SINTOMI OCULARI
- LACRIMAZIONE
- AUMENTO AMMICCAMENTO
- PRURITO
- IRRITAZIONE
- SECCHEZZA
- BRUCIORE
- SENSAZIONE DI CORPO ESTRANEO
- PESANTEZZA AI BULBI
- DOLORE
- ARROSSAMENTO CONGIUNTIVALE
- ALTERAZIONE QUANTITATIVA/QUALITATIVA DEL FILM LACRIMALE
3. SINTOMI GENERALI
- CEFALEA
- ASTENIA
- NAUSEA
- DISPEPSIA
- VERTIGINE
- TENSIONE GENERALE

LE PIÙ IMPORTANTI ALTERAZIONI DELL'APPARATO VISIVO CHE POSSONO PROVOCARE DISTURBI ASTENOPEICI IN SOGGETTI PIÙ SENSIBILI E PIÙ PREDISPOSTI SONO:
AMBLIOPIA PARZIALE CON VISUS < 6/10 (ANCHE MONOLATERALE) ETEROFORIE SUPERIORI ALLE 8 DIOTTRIE PRISMATICHE
ETEROFORIE SCOMPENSABILI
NISTAGMO
DEFICIT III - IV - VI N.C.
BLEFARITI E CONGIIUNTIVITI CRONICHE
SINDROME DELL'OCCHIO SECCO
OPACITA' CORNEALI
CHERATOCONO
CATARATTA
AFACHIA E PESUDOFACHIA
DIFETTI REFRATTIVI ELEVATI
RETINOPATIE DEGENERATIVE
MACULOPATIE CON METAMORFOPSIE CENTRALI
ALTERAZIONI DEL CAMPO VISIVO

PERTANTO I VIZI DI REFRAZIONE (MIOPIA, ASTIGMATISMO ED IPERMETROPIA) NON SONO CAUSATI O AGGRAVATI DALL'USO DEI VIDEOTERMINALI; D'ALTRA PARTE POSSONO DETERMINARE L'ASTENOPIA ACCOMODATIVA, SE NON CORRETTI. L'AFFATICAMENTO VISIVO PUÒ ESSERE INDOTTO ANCHE DA STRABISMI MANIFESTI (EXO/ESO-TROPIE) O LATENTI (EXO/ESO-FORIE)

UN CARO SALUTO
PROF.DUILIO SIRAVO
SIRAVO@SUPEREVA.IT
HTTP://DRSIRAVODUILIO.BEEPWORLD.IT/
CELL.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
HTTP://DRSIRAVODUILIO.BEEPWORLD.IT
0 COMMENTI
INVIA LINK VIA E-MAIL
LASCIA UN COMMENTO :

NOME/NICKNAME :

INSERIRE IL CODICE DI SICUREZZA RIPORTATO SOTTO:

CAMBIA CODICE
INVIA COMMENTO

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
Day Hospital Santa Lucia
del Dr Giorgio Giovanni Cezza

WB906
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 129
Gentile Utente Amminicolo,
il suo problema visivo può essere correlato a due situazioni:
- non adeguata correzione ottica
- immuno-mediazione a livello oculare (azione disturbante da parte di particolari anticorpi anomali prodotti da un sistema immunitario disfunzionale).
Se vuole, possiamo intraprendere uno specifico percorso diagnostico-terapeutico mirato.
Mi contatti: giorgiocezza@libero.it
Un caro saluto.
Dott. Giorgio Cezza
Medico-Chirurgo - Spec. in Oftalmologia
Dir. Sanitario del Day Hospital "Santa Lucia" - Maglie (Lecce)

_________________
DAY HOSPITAL SANTA LUCIA DEL DR GIORGIO GIOVANNI CEZZA
    73024 MAGLIE (LE)
    Via Sante Cezza, 19
    0836.483848
    giorgiocezza@libero.it
http://www.giorgio-cezza.abcsalute.it
 
Valeppi
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 11
Salve a tutti. Dopo mesi la questione continua a cambiare. L' astenopia diagnosticata sembra quasi sparita con semplici esercizi. Non era una questione di occhiali, Emiliano ha 11/10 e non ha bisogno ne di prismi ne di occhiali. Piuttosto la FOTOFOBIA è ritornata fortissima. Esiste qualcuno al mondo che sappia da cosa possa dipendere il fatto che Emiliano sia come ALLERGICO alla luce neon e Led tale da creare fortissimo bruciore interno all'occhio dopo l' esposizione!? Non è un semplice bruciore esterno, è come se venisse ustionato internamente dalla luce bianca rimanendo per ore dolorante... Nessuno ha mai visto una cosa del genere...
Potrebbe il PC aver creato danni permanenti agli occhi?
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
NO ASSOLUTAMENTE

CENTRO INTERNAZIONALE SIRAVO OCULISTICO

PREVENZIONE E CURA FARMACOLOGICA E CHIRURGICA PATOLOGIE OCULARI

CORNEA

CRISTALLINO

VITREO

VITREO-RETINA

RETINA

GLAUCOMA

STRABISMO

NEUROFTALMOLOGIA

CELLULE STAMINALI

NEUROFTALMOLOGIA

VIDEO APPARSO SULLE RETI TELEVISIVE NAZIONALI

 

CENTRO INTERNAZIONALE SIRAVO PREVENZIONE E CURA 

 

 
 
 

HTTPS://WWW.YOUTUBE.COM/WATCH?V=KTPJFKFS_VA

 

HTTPS://WWW.YOUTUBE.COM/WATCH?V=KTPJFKFS_VA

 

 

 

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
Day Hospital Santa Lucia
del Dr Giorgio Giovanni Cezza

WB906
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 129
Gentile Utente Amminicolo,
il suo problema visivo può essere correlato a due situazioni:
- non adeguata correzione ottica
- immuno-mediazione a livello oculare (azione disturbante da parte di particolari anticorpi anomali prodotti da un sistema immunitario disfunzionale).
Se vuole, possiamo intraprendere uno specifico percorso diagnostico-terapeutico mirato.
Mi contatti: giorgiocezza@libero.it
Un caro saluto.
Dott. Giorgio Cezza - Medico-Chirurgo
Spec. in Oftalmologia - Dir. Sanitario del Day Hospital "Santa Lucia" - Maglie (Lecce)

_________________
DAY HOSPITAL SANTA LUCIA DEL DR GIORGIO GIOVANNI CEZZA
    73024 MAGLIE (LE)
    Via Sante Cezza, 19
    0836.483848
    giorgiocezza@libero.it
http://www.giorgio-cezza.abcsalute.it
 
claudiobs
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 5
sono ancora qui anche io...
Come Emiliano e valeria (che saluto...9 ho provato varie soluzioni,dagli occhiali con diverse gradazioni,l'uso di lenti prismatiche,agopuntura,cure per la nevralgia,esercizi di mobilità oculare ecc.ecc. ma la situazione è ancora stagnante.Nel post del dott. Siravo ho letto che tra le cause dell'astenopia mette anche un deficit visivo con visione < 6/10 anche monoculare.Io in effetti vedo 11/10 nell'occhio sinistro, e 5/10 nell'occhio destro(astigmatismo di -0.75 ,non corretto). Può questa situazione a lungo andare avere provocato la situazione che mi ritrovo ora,ovvero questo dolore all'occhio sinistro(quello che vede meglio!!!) ? In effetti dalle prove ortottiche che ho fatto oltre ad una lieve exoforia mi è stata riscontrata una soppressione temporanea dell'immagine dell'occhio dx( la prova con gli occhiali con le lenti rosse e verdi,l'immagine relativa all'occhio dx "va e viene").
Il problema è che pur correggendo adeguatamente l'occhio destro il problema si attenua ma non scompare!!!!come mai? la situazione è cronica od è possibile fare qualcosa per farla regredire?inoltre,è possibile che nonostante le innumerevoli visite effettuate nessuno abbia saputo darmi una soluzione concreta al problema? Sembra che se un caso esuli dalla normale routine,sia più facile passare oltre...scusate il mio sfogo,ma dopo decine di visite effettuate e nessun risultato riscontrato,sono molto sfiduciato!
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
senza VERIFICARWE LA DIAGNOSTICA STRUMENTALE OCULARE EFFETTUATA NON SI PUO' DIRE ALTRO
http://www.forumsalute.it/astenopia-accomodativa.html

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
38 messaggi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...







NOTIZIE PER LA SALUTE

ACUTA ULCERAZIONE NECROTIZZAZIONE

Forma grave di gengivite....

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Per sindrome del Tunnel Carpale si intende una neuropatia (patologia che colpisce il Sistema Nervoso...

LABIRINTITE PURULENTA

La Labirintite Purulenta è associata alla meningite che colpisce i bambini fino ai 2 anni, pu...

Quali sono le complicanze del flebolinfedema? Quali sono le complicanze del flebolinfedema?

Le complicanze del flebolinfedema sono: l’erisipela, che e causata da un’infezione dei l...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Francesco Laudando

VETRINA IN ALLESTIMENTO...

Dr Francesco Mele

L’Oculista a Torino Dr Francesco Mele è laureato in Medicina e Chir...

Casa di Cura San Michele

La Casa di Cura San Michele ha come caratteri distintivi la competenza professio...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.