Guarda gli argomenti della categoria:  

Autore Messaggio
claudiobs
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 5
esami ne ho fatti parecchi,e talvolta con risultati discordanti...(tipo la misura dell'acuita visiva in cicloplegia...).Di cosa avrebbe bisogno esttamente per formulare un ipotesi?
grazie
 
Day Hospital Santa Lucia
del Dr Giorgio Giovanni Cezza

WB906
Medico di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 129
Gentile Utente Claudiobs,
il suo problema è sia correlato all'apparato visivo (da valutare attentamente), ma anche da considerare come un modo utilizzato dal suo organismo per segnalare una disfunzione più profonda.
Nella mia esperienza di Ricercatore delle <Malattie Immuno-Mediate, ho spesso riscontrato una stretta correlazione tra sintomi oculari e disfunzione del sistema immunitario (o meglio del sistema PNEI = Psico-Neuro-Endocrino-Immunitario).
Se vuole, la posso aiutare in entrambi i campi.
Mi contatti direttamente (giorgiocezza@libero.it) e le indicherò le diverse tappe in cui si articola il percorso diagnostico-terapeutico per studiare tale disfunzione e per ripristinare la normale efficienza di tale sistema.
Un caro saluto.
Dott. Cezza Giorgio Giovanni
Medico-Chirurgo - Specialista in Oftalmologia
Dir. Sanitario del Day Hospital "Santa Lucia" - Maglie (Lecce)

_________________
DAY HOSPITAL SANTA LUCIA DEL DR GIORGIO GIOVANNI CEZZA
    73024 MAGLIE (LE)
    Via Sante Cezza, 19
    0836.483848
    giorgiocezza@libero.it
http://www.giorgio-cezza.abcsalute.it
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
MI CONTATTI PURE COME RICHIESTO AL
3385710585

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
Valeppi
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 11
Salve a tutti. Vedo che nonostante i mesi siamo ancora tutti nella stessa situazione. Emiliano con gli esercizi prismatici ha risolto circa il 90% della questione astenopia. Il problema è rimasto la Fotofobia fortissima. Ormai è circa 6 mesi che non può più guidare e non esce di casa, neanche la sera, se non bendato o con filtri medicali scurissimi. È mai possibile?
potrebbe essere un problema di secchezza oculare? Batteri? Parassiti? Malattie esotiche? Insomma sta fotofobia dovrà avere una causa....non se ne viene a capo. Abbiamo fatto pure l OCT da un famosissimo medico a Roma...tutto perfetto.
aiuto
 
floriana76
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Valeppi ha scritto:
Salve a tutti. Vedo che nonostante i mesi siamo ancora tutti nella stessa situazione. Emiliano con gli esercizi prismatici ha risolto circa il 90% della questione astenopia. Il problema è rimasto la Fotofobia fortissima. Ormai è circa 6 mesi che non può più guidare e non esce di casa, neanche la sera, se non bendato o con filtri medicali scurissimi. È mai possibile?
potrebbe essere un problema di secchezza oculare? Batteri? Parassiti? Malattie esotiche? Insomma sta fotofobia dovrà avere una causa....non se ne viene a capo. Abbiamo fatto pure l OCT da un famosissimo medico a Roma...tutto perfetto.
aiuto



non credo che sia più facile passare oltre, è che le ha provate tutte, se non ci sono altre cause...probabilmente ha una soglia del dolore troppo bassa! un po' di meditazione potrebbe aiutarlo...chiede se potrebbe essere l'occhio secco...mi pare lei stessa ne avesse parlato, dicendo che ha usato tante lacrime artificiali..e che cmq il film lacrimale era sano!altrimenti potrebbe fare uno studio approfondito del film lacrimale e usare il giusto sostituto... il pc nn da assolutamente danni permanenti agli occhi! non è una fonte luminosa cosi forte! da dare certi dolori..di casa dovrebbe uscire! basta usare gli occhiali da sole magari polarizzati! non so se ha mai fatto una visita immunologica come qualche medico ha suggerito, per vedere che non soffra della sindrome di Sjiorgen! secchezza oculare...dolore, fastidio alla luce..provate questa strada!
 
zmiaux
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Ciao a tutti,
voglio condividere con voi la mia esperienza, in quanto anche io soffro di astenopia occupazionale.
La chiamo in questo modo in quanto, nel mio caso, è strettamente correlata al mio lavoro (8+ ore al giorno al pc, da lunedì al venerdì).
Ho iniziato ad avere problemi circa 3 anni fa, all'improvviso, in seguto a forte stress lavorativo ed emotivo (trasferimento per lavoro), nonostante lavoro al pc da molti anni e lo usavo spesso anche a casa.
All'inizio riuscivo a stare al pc massimo 20 minuti, poi dovevo fare pausa. Avevo sempre delle forti occhiaiei, una fotofobia tremenda, sensazione di sabbia/corpi estranei negli occhi, bruciore, abbagliamento e visione sfocata, sonnolenza, mal di testa e soprattutto dolore muscolare, che ho ancora oggi. All'inizio sentivo gli occhi "tirare" verso l'interno, a volte fastidi anche ai muscoli del viso, dagli occhi agli zigomi. Adesso l'intensità è molto inferiore, ma presente.
Per alcuni giorni, dopo qualche mese dall'inizio dei fastidi, ho avuto anche una specie di infezione agli occhi che faceva produrre muco/filamenti giallastri, che ho risolto con Tobradex. Non so se c'è correlazione con l'astenopia, ma probabilmente con problemi immunitari.
I primi mesi non avevo più vita sociale. Dopo il lavoro tornavo a casa e spesso mi mettevo a letto senza nemmeno cenare, è stato un periodo davvero duro.
Ho fatto due visite specialistiche con due oculisti che mi hanno solo riscontrato un po' di secchezza oculare, gli occhi sono a posto e quindi ho dovuto fare di testa mia, informandomi su Internet.
Fortunatamente adesso va meglio (dopo tanti mesi di sofferenza), ma non ho ancora risolto del tutto.
Ho problemi solo quando lavoro (nel fine settimana e quando sono in ferie non ho alcun tipo di problema), la fotofobia a volte compare, ma non sempre ed in modo molto inferiore rispetto a prima. Stessa cosa per gli altri sintomi, tranne che per i dolori muscolari. Quelli persistono e si verificano verso la fine della giornata lavorativa, della settimana lavorativa o in giornate lavorative particolarmente pesanti.
Ho problemi soprattutto se la luce naturale nella stanza è bassa (di sera o d'inverno), se la luce naturale è medio alta sto molto meglio. Con luce artificiale medio alta sto abbastanza bene, ma preferisco la luce naturale.

Ho fatto anche due visite optometriche e alla fine la situazione è migliorata, anche se ancora non sono del tutto guarito.
Vi elenco i punti che mi hanno aiutato e mi permetto di darvi qualche consiglio:

- farsi fare degli occhiali appositi per quando si sforzano gli occhi (ad es. per chi lavora al pc).
Nel mio caso, essendo miope e leggermente astigmatico (miopia -0,70 sx e -1.50 dx + 0.50 astigmatismo occhio dx) ho fatto, su consiglio dell'optometrista un paio di occhiali con -0.25 e -0.50 (o giù di lì, non ricordo bene) per fare in modo da avere un leggero ingrandimento, in quanto senza occhiali non riuscivo a lavorare. In più, in un secondo momento, ho fatto fare gli stessi occhiali + il trattamento per l'astigmatismo e li uso in alternanza, in base all'affaticamento degli occhil. Alcuni giorni sento il bisogno di usare gli uni, altri giorni gli altri.
Entrambi hanno il trattamento Blu Control, che mi ha aiutato tanto. La luce blu del pc è dannosa per la retina (così dicono) ed è più fastidiosa rispetto al rosso ed al verde.

- ho cambiato stile di vita. Prima usavo il pc o altri dispositivi anche a casa. Adesso uso pochissimo il pc/tablet a casa, guardo poca tv. Cerco di evitare qualsiasi sforzo extralavorativo agli occhi e vado a letto presto in modo da dormire almeno 8 ore. Gli occhi hanno bisogno di riposo. Quindi finché non guarirete scordatevi di fare tardi "durante la settimana lavorativa" e, soprattutto, di fare tardi stando davanti ad uno schermo. Nel fine settimana, ovviamente, è possibile far tardi, ma cercate comunque di riposare di più. Non alzatevi eccessivamente presto se non necessario. Approfittatene per far riposare gli occhi.

- per chi lavora al pc, fare pause frequenti. Se i vostri colleghi non fanno pause, fatele da soli. Una pausa di 15/20 minuti ogni 2 ore (lo dice anche la legge). Alzatevi ogni tanto, fate delle brevi passeggiate (ad. es andando in bagno, anche se non dovete realmente andarci) e cercate di guardare lontano ogni tanto, ad es. fuori da una finestra oppure seguendo i lineamenti della stanza o cercando di mettere a fuoco oggetti lontani da voi

- sempre per chi lavora al pc, non fissare di continuo il monitor e ricordarsi di sbattere le ciglia. Sembra banale, ma ce ne dimentichiamo. A tal proposito io uso un programmino che mi ricorda con degli alert quando allontanare lo sguardo dal pc per 90 secondi e mi ricorda di fare pausa ogni due ore. E' personalizzabile, in base alle proprie esigenze. Potete scaricarlo da robertinventor.com. Ce ne sono anche altri, ma io uso questo.
Consiglio anche di usare il programmino f.lux (per regolare automaticamente la luminosità ed il "calore" del colore, in base all'ora del giorno), anche se io regolo la luminosità manualmente.

- se avete secchezza oculare "dovete" usare un collirio, tutti i giorni.
Io ne ho provati diversi e mi sono trovato bene con questi:
# all'inizio ho usato dei gel, in quanto più resistenti (evaporano meno velocemente). Mi sono trovato molto bene con Lacrigel
# ho usato Collirio Alpha Protezione UV (non più in commercio)
# uso spesso Systane balance, per ristabilire il film lacrimale
# in questo periodo sto usando Eumill Stress Visivi e mi sto trovando abbastanza bene
# devo provare Meramirt collirio, che ho già acquistato. Vi farò sapere.

- sempre per chi usa il pc, abbassate "tanto" la luminosità, non agendo solo sulla luminosità vera e propria, ma abbassando molto i valori dei colori RGB (rosso, verde e blu), mantenendo la stessa differenza di valori fra i vari colori. Ad es. rosso 28, verde 25 e blu 0 (o valori molto bassi). Luminosità e contrasto fra 60 e 80, in base alle proprie esigenze "ed al momento della giornata". Se la luce è tanta potete e dovete aumentare la luminosità, se è poca dovete abbassarla (ad es di sera).
Non devono esserci riflessi sul monitor e la postazione deve essere parallela ad eventuali finestre (no di fronte o dietro).
Aumentare la grandezza dei caratteri, soprattutto se dovete leggere molto sul monitor o se siete programmatori.
Purtroppo la modifica del valori RGB non vale per i grafici (per ovvi motivi), ma cercate comunque di abbassare la luminosità.

- limitare l'uso dell'aria condizionata/riscaldamento, in quanto fanno seccare gli occhi più velocemente.

- cercate di mangiare tanto pesce, fa bene agli occhi

- assumere un integratore specifico per questo problema. Personalmente assumo Meramirt, che mi ha aiutato molto, soprattutto all'inizio. Due confezioni al mese, a mesi alternati. All'inizio anche ogni mese.
Ho acquistato anche il collirio, ma ancora non l'ho provato. Vi farò sapere.

- cercare di non essere troppo nervosi a causa del lavoro. Sembra strano, ma influisce. Cercare di limitare lo stress.

- se si hanno problemi di cervicale, curarla bene. Anche la cervicale influisce sul benessere oculare.

Penso che nei prossimi mesi farò una visita ortottica, non avendo ancora risolto completamente. Vi terrò aggiornati.

A voi come sta andando? Ci sono stati dei miglioramenti? Avete novità da condividere? Avete sperimentato nuove cure?

Spero che i miei consigli possano essere utili a qualcuno.
Cerchiamo di aiutarci fra di noi, in quanto molti specialisti, purtroppo, non riescono ancora a curare bene i problemi di astenopia.
Uno degli oculisti specialiasti che ho consultato mi ha detto che l'astenopia occupazionale "non è universalmente riconosiuta" e mi aveva consigliato di continuare ad usare i miei occhiali per miopia anche davanti al pc. Non è un cretino, in quanto mi ha seguito per i miei problemi di vista, ma semplicemente anche lui non la riconosceva, forse perché i casi in giro sono pochi. Con questo ho detto tutto...
Tenete duro, si può guarire!

Ciao, a presto,
Michele
 
PROF.SIRAVO
Utente di ABCsalute.it
Avatar utente
Messaggi: 560
ASTENOPIA ACCOMODATIVA

11-01-2012 - scritto da siravoduilio





ASTENOPIA ACCOMODATIVA

L’astenopia accomodativa è una Sindrome clinica, causata da un disagio nella visione, che si manifesta con un insieme di sintomi e segni in prevalenza oculari ma anche generali




SI CONSIGLIA IN QUESTI CASI SEMPRE UNA VISITA REFRATTIVA OCULISTICA IN CICLOPLEGIA

Il termine CICLOPLEGIA null'altro signigica che paralisi del muscolo ciliare con conseguente paralisi dell’accomodazione.
La decontrazione del muscolo ciliare induce un aumento del diametro dello sfintere mettendo in tensione i legamenti zonulari che esercitano trazione sull'equatore del cristallino con appiattimento delle superfici anteriori e posteriori. Il potere diottrico del cristallino raggiunge il suo minimo. Tale situazione definita disaccomodazione è idonea per un occhio emmetrope alla messa a fuoco sulla retina di raggi provenienti dall'infinito (che per l'uomo è da considerarsi oltre i sei metri).
Viceversa la contrazione del muscolo ciliare corrisponde allo stato di accomodazione per vedere vicino: cioè all'acquisizione da parte del cristallino della massima potenza rifrattiva.

Questa capacità accomodativa non si mantiene intatta per tutta la vita: per un occhio emmetrope (cioè che non sia miope, ipermetrope o astigmatico) dall'età infantile in cui raggiunge poteri di oltre 10 tende progressivamente a ridursi: ai 40 anni è di 3 1/2 ai 45 di 2 1/2, ai 50 anni di 1 1/2, ai 55 di 1/2 .





Quindi capisce che la cicloplegia non è una goccia e VAI,altrimenti in questi modi i falsi positivi DA SPASMI ACCOMODATIVI più o meno marcatai fanno avere valori fluttuanti refrattivi e qundi NON VERI!!!!




Fig. 1.10 Modificazioni cristalliniche in fase di tensione zonulare (a) e di tensioni (b).Tratta da: “Basi Fisiopatologiche di clinica oculistica” CRISTINI, 1993


__________________
Le manifestazioni dell’astenopia accomodativa possono essere riassunte in:

1. SINTOMI VISIVI
- fotofobia
- riduzione acuità visiva
- visione sfuocata
- visione doppia
- miopizzazione transitoria
- transitorio allontanamento del punto prossimo
- comparsa o aumento delle forie
- aloni colorati
2. SINTOMI OCULARI
- lacrimazione
- aumento ammiccamento
- prurito
- irritazione
- secchezza
- bruciore
- sensazione di corpo estraneo
- pesantezza ai bulbi
- dolore
- arrossamento congiuntivale
- alterazione quantitativa/qualitativa del film lacrimale
3. SINTOMI GENERALI
- cefalea
- astenia
- nausea
- dispepsia
- vertigine
- tensione generale

Le più importanti alterazioni dell’apparato visivo che possono provocare disturbi astenopeici in soggetti più sensibili e più predisposti sono:
• AMBLIOPIA PARZIALE CON VISUS < 6/10 (anche monolaterale)
• ETEROFORIE SUPERIORI ALLE 8 DIOTTRIE PRISMATICHE
• ETEROFORIE SCOMPENSABILI
• NISTAGMO
• DEFICIT III – IV – VI n.c.
• BLEFARITI E CONGIIUNTIVITI CRONICHE
• SINDROME DELL’OCCHIO SECCO
• OPACITA’ CORNEALI
• CHERATOCONO
• CATARATTA
• AFACHIA E PESUDOFACHIA
• DIFETTI REFRATTIVI ELEVATI
• RETINOPATIE DEGENERATIVE
• MACULOPATIE CON METAMORFOPSIE CENTRALI
• ALTERAZIONI DEL CAMPO VISIVO
Pertanto i vizi di refrazione (miopia, astigmatismo ed ipermetropia) non sono causati o aggravati dall’uso dei videoterminali; d’altra parte possono determinare l’astenopia accomodativa, se non corretti. L’affaticamento visivo può essere indotto anche da strabismi manifesti (exo/eso-tropie) o latenti (exo/eso-forie).



Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it

_________________
Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
    CELL:3385710585
 
Satoko
Utente di ABCsalute.it
Messaggi: 1
Salve, volevo chiedere a Valeppi se il suo compagno è riuscito a risolvere in qualche modo il suo problema, ne sto soffrendo anche io da quasi 7 mesi e sono alla frutta..
Inviato: 23/12/2019, 9:40
 
38 messaggi
Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4
Rispondi all’argomento


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  





ESAMI O PRESTAZIONI MEDICHE CORRELATE

Elettrofisiologia oculare

L'elettrofisiologia è un'analisi diagnostica che consente di indagare i fenomeni elettrici legati ad alcune attività fisiologiche, come per esempio quella svolta dalle vie ottiche. In questo caso, si...

Esame (o Schermo) di Hess

Lo schema di Hess-Lancaster è un test a cui si ricorre per rilevare la presenza di anomalie nel funzionamento dei muscoli responsabili della motilità oculare. Grazie a questo esame, infatti, il medico...







NOTIZIE PER LA SALUTE

ACUTA ULCERAZIONE NECROTIZZAZIONE

Forma grave di gengivite....

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Per sindrome del Tunnel Carpale si intende una neuropatia (patologia che colpisce il Sistema Nervoso...

LABIRINTITE PURULENTA

La Labirintite Purulenta è associata alla meningite che colpisce i bambini fino ai 2 anni, pu...

Quali sono le complicanze del flebolinfedema? Quali sono le complicanze del flebolinfedema?

Le complicanze del flebolinfedema sono: l’erisipela, che e causata da un’infezione dei l...



TROVA LO SPECIALISTA

Dr Francesco Famà

L'Oculista a Riposto Dott. Francesco Famà medico chirurgo e oftalmologo, ...

Dr Francesco Mele

L’Oculista a Torino Dr Francesco Mele è laureato in Medicina e Chir...



ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/03/2017 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.