Indietro

LEA: Aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza

clicca per votare





Aggiornamento LEA Aggiornamento LEA Endometriosi nei LEA Endometriosi nei LEA Assistenza sanitaria Assistenza sanitaria


Pubblicato il 30/05/2017

Modificato il 30/05/2017

L’aggiornamento dei LEA – Livelli essenziali di assistenza – arriva dopo 15 anni, il nuovo Nomenclatore delle protesi dopo 17 anni, il nuovo Piano Nazionale Vaccini è approvato. Lo stanziamento di 800 milioni di euro varato dalla legge di stabilità 2016 assicura la copertura economico-finanziaria del DPCM che include i nuovi LEA, il Nomenclatore delle protesi audio-visive e il Piano Nazionale Vaccini. Vediamo in dettaglio le novità introdotte nei diversi ambiti di cura.

Il nuovo Nomenclatore della specialistica ambulatoriale, aggiornato dopo circa 20 anni, include:

  • Prestazioni tecnologicamente avanzate ed elimina quelle obsolete;
  • prestazioni di elevatissimo contenuto tecnologico (adroterapia) o di tecnologia recente (enteroscopia con microcamera ingeribile, radioterapia stereotassica);
  • un rinnovato elenco delle prestazioni di genetica che, per ogni singola prestazione, fa riferimento ad un elenco puntuale di patologie per le quali è necessaria l’indagine su un determinato numero di geni;
  • servizi necessari nelle diverse fasi concernenti la procreazione medicalmente assistita, omologa ed eterologa (sino ad oggi erogate solo in regime di ricovero).

 

Nell’ambito dell’Assistenza specialistica in gravidanza e tutela della maternità, sono spreviste specifiche prestazioni per le diverse fasi ed esigenze.

Nella fase preconcezionale, la possibilità di ricorrere a prestazioni specialistiche più appropriate per l’accertamento del rischio procreativo: prima visita specialistica di genetica medica e nuovi test genetici.

Per la gravidanza fisiologica è stabilito l’ampliamento delle prestazioni per il monitoraggio secondo le specifiche Linee guida incluso il test combinato: parametri di laboratorio in combinazione con le indagini ecografiche eseguite presso strutture appositamente individuate dalle regioni.

Quanto all’accesso alla diagnosi prenatale, i nuovi LEA prevedono un aggiornamento delle indicazioni secondo le più recenti Linee guida: condizioni biologiche-genetiche, alterazione di parametri ecografici e biochimico/molecolari, patologie infettive che determinano un rischio per il nascituro.

Il nuovo Nomenclatore dell’assistenza protesica, aggiornato dopo 17 anni, consentirà di prescrivere:

  • ausili informatici e di comunicazione, inclusi i comunicatori oculari e le tastiere adattate per persone con gravissime disabilità.
  • apparecchi acustici a tecnologia digitale;
  • attrezzature domotiche e sensori di comando e controllo per ambienti, come allarme e telesoccorso;
  • posaterie e suppellettili adattati per le disabilità motorie, barella adattata  per la doccia, scooter a quattro ruote, carrozzine con sistema di verticalizzazione, carrozzine per grandi e complesse disabilità, sollevatori fissi e per vasca da bagno, sistemi di sostegno nell’ambiente bagno (maniglioni e braccioli), carrelli servoscala per interni;
  • arti artificiali a tecnologia avanzata e sistemi di riconoscimento vocale e di puntamento con lo sguardo.


Con l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza continueranno ad essere garantiti anche i dispositivi su misura per le persone che presentano particolari situazioni di handicap tali che i dispositivi di serie non sono adeguati.

Il provvedimento presume un consistente ampliamento dell’elenco delle malattie rare erogate in regime di esenzione, realizzato mediante l’inserimento di più di 110 nuove entità tra singole malattie rare e gruppi di malattie. Alcune tra le nuove malattie rare: sarcoidosi, sclerosi sistemica progressiva, la miastenia grave, sindromi da neoplasie endocrine multiple, iperinsulinismi congeniti, malattie perossisomiali, sindromi da deficit congenito di creatina, piastrinopatie autoimmuni primarie croniche, miosite eosinofila idiopatica.

È aggiornato anche l’elenco delle malattie croniche con l’introduzione di 6 nuove patologie esenti:

1) Sindrome da talidomide (per la quale è stato già esteso l’indennizzo con l’art. 21-ter del decreto legge n. 113/2016;

2) osteomielite cronica (circa 8.000 nuovi esenti);

3) patologie renali croniche (circa 10.000 nuovi esenti);

4) rene policistico autosomico dominante (circa 50.000 nuovi esenti);

5) endometriosi negli stadi clinici “moderato” e “grave" (circa 300.000 nuovi esenti);

6) broncopneumopatia cronico ostruttiva negli stadi clinici “moderato”, “grave” e “molto grave” (circa 300 mila nuovi esenti).

 

Queste si aggiungono alle patologie già esenti come malattie rare, quali: malattia celiaca, sindrome di Down, sindrome di Klinefelter, connettiviti indifferenziate. Per la celiachia sono mantenute in esenzione tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale comprese nei LEA, utili al monitoraggio della patologia e alla prevenzione delle complicanze e degli eventuali aggravamenti.

 

Il nuovo schema di decreto recepisce la legge n. 134 del 2015  che prevede l'aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza per la diagnosi precoce, la cura e il trattamento individualizzato dei disturbi dello spettro autistico e, in merito all’autismo, le novità sono:

  • Qualità dell’assistenza: è previsto nel percorso di diagnosi, cura e trattamento l'impiego di metodi e strumenti basati sulle più avanzate evidenze scientifiche disponibili.
  • Integrazione nella vita sociale: viene promosso il reinserimento e l’integrazione del minore nella vita sociale mediante il raccordo dell’assistenza sanitaria con le istituzioni scolastiche e attraverso interventi sulla rete sociale.
  • Coinvolgimento della famiglia: massima attenzione alla partecipazione attiva della famiglia, con interventi di sostegno, formazione e orientamento ad essa dedicati e coinvolgimento attivo nel percorso terapeutico.




Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 17/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti