Indietro

Rachitismo: deformazione e indebolimento delle ossa dalla prima infanzia

clicca per votare





Rachitismo Rachitismo Primi passi Primi passi Bambino al sole Bambino al sole


Scritto da

Gaia Cortese, giornalista professionista (Ordine regionale della Lombardia)


Pubblicato il 16/06/2010

Modificato il 16/06/2010

Il rachitismo è una patologia che provoca deformazione e indebolimento delle ossa, causata da un’alterata mineralizzazione ossea durante la crescita: in età pediatrica rappresenta quello che per gli adulti è l'osteoporosi. In genere, il rachitismo è dovuto ad una carente assunzione di vitamina D con il cibo oppure alla ridotta sintesi di questa vitamina per insufficiente esposizione alla luce solare. I neonati prematuri poi, sono più esposti al rischio di rachitismo per l’immaturità dei meccanismi di produzione della vitamina D a causa della presenza di ridotte riserve di minerali (calcio, fosforo) e del ridotto assorbimento intestinale. Una forma di prevenzione al rachitismo consiste nell’eseguire una profilassi, nei bambini fino ai 18 mesi di vita, mediante l’esposizione al sole e nella somministrazione quotidiana, per via orale, di vitamina D, con dosaggio prescritto dal pediatra.

 

L’importanza della vitamina D
La vitamina D ha un ruolo fondamentale nel metabolismo delle ossa, già in gravidanza e soprattutto nella prima infanzia, quando si verifica una crescita veloce e un continuo rimodellamento osseo. La sua funzione è quella di far assorbire il calcio nell’intestino, controllare che la sua concentrazione sia adeguata e regolarizzare il processo di mineralizzazione ossea, e ha così un ruolo fondamentale nella prevenzione di malattie come l'osteoporosi, la sclerosi multipla e appunto il rachitismo. La carenza di vitamina D si può manifestare precocemente, già a partire dai 4 - 6 mesi di vita, con alterazioni che interessano le ossa in rapido accrescimento (ossa del cranio, del torace e del bacino); oppure tardivamente, intorno ai 12 mesi, quando il bambino inizia a camminare, con alterazioni soprattutto alle ossa degli arti.

 

Come riconoscere e guarire il rachitismo
La diagnosi è formulata sulla base dell’osservazione clinica, degli esami del sangue, della radiografia del polso e della densitometria ossea, un esame che permette di misurare la densità delle ossa e, per esempio nei casi degli adulti con osteoporosi, di valutare il rischio di fratture; altri accertamenti vanno eseguiti nei casi di rachitismo non dipendenti dalla carenza di vitamina D. La terapia del rachitismo prevede somministrazione di vitamina D per un periodo che va dalle 3 alle 6 settimane, e di calcio, da assumere per via orale, per un periodo di alcuni anni: i pediatri consigliano generalmente integratori che permettano di sciogliere la vitamina nell'acqua o nel latte senza alterarne il sapore o l'odore e quindi minimizzando il rischio di rifiuto da parte del neonato: gli integratori hanno anche il vantaggio di poter contenere anche la fondamentale vitamina C e alcuni minerali.



Fonti:

- Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link
- L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici: vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 10/12/2016