Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Dipendenza da cellulare e ansia da separazione

Indietro

Dipendenza da cellulare e ansia da separazione

Ansia da cellulare
Ansia da cellulare - iStockphoto.com






vota


Un recente film, Perfetti sconosciuti, affronta una tematica spesso sottaciuta ma emblematica della società contemporanea: i cellulari custodiscono i dettagli più rilevanti della nostra vita privata e informazioni strettamente personali che, in molti casi, conviene tenere segrete. Ma davvero noi italiani siamo ossessionati dall’idea che qualcuno possa avere libero accesso al telefonino e violare la nostra privacy?

 

Sì, almeno stando ai dati dell’indagine Eurodap – Associazione europea disturbi da attacchi di panico: il 90% degli italiani teme di dimenticare il proprio cellulare a casa dove potrebbe essere preso dai famigliari che leggerebbero messaggi, mail, chat e notifiche dei social network. La precauzione più immediata affinché ciò non accada è scegliere una password difficile e cambiarla spesso per evitare il rischio che qualcuno la scopra.

 

È un comportamento sintomatico di un’ansia crescente legata alla paura che, spiando il cellulare, altre persone possano scoprire una vita segreta o semplicemente una personalità diversa da quella mostrata pubblicamente. A essere così preoccupate sono persone di età compresa tra i 18 e i 60 anni, e gli adulti temono soprattutto il giudizio dei figli, del partner e degli amici più intimi.

 

La Dott.ssa Paola Vinciguerra, Presidente Eurodap, sottolinea quanto il telefonino sia diventato uno strumento tecnologico al quale affidiamo tante informazioni strettamente personali e dati sensibili, per questo, la sola idea di dimenticarlo o perderlo scatena paura, ansia e in casi sempre più frequenti anche attacchi di panico. Non solo abuso, dipendenza e finzione nei rapporti sociali: il cellulare diventa un mezzo con cui sentirsi liberi di mostrare una personalità del tutto diversa da quella manifestata nella vita reale, quella off-line. Se le persone più care riuscissero ad accedere a quei dati, sarebbero compromessi i rapporti sociali e quelli famigliari, avviando una spirale di situazioni spiacevoli che renderebbero sempre più fragile l’equilibrio psichico della persona scoperta.

 

La Dott.ssa Vinciguerra prosegue la sua riflessione dicendo: “la domanda che ci dobbiamo porre riguarda l’evidente malessere che serpeggia a tutti i livelli e che trova nell’uso della tecnologia e spesso nella costruzione di altre identità una via di soluzione. Bambini perfetti in casa, teppisti di strada fuori”.


Chiedi un parere medico sul forum

Forum Psicologia
Forum Psichiatria



Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 24/11/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.