Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Cosa fare dopo una puntura di medusa

Indietro

Cosa fare dopo una puntura di medusa








vota


Articolo aggiornato il 20 giugno 2017.

 

Oltre che alla protezione solare, quando si va al mare bisogna essere pronti a proteggersi anche dalla puntura di medusa: a chi non è capitato almeno una volta di sentire una piccola e fastidiosa scossa nel bel mezzo di una nuotata? In realtà, le meduse non mordono né pungono, ma i loro tentacoli espellono filamenti urticanti, paralizzanti e neurotossici che, a contatto con la nostra pelle, provocano una forte disagio.

 

L’effetto di una puntura di medusa è quello di una ustione di durata variabile in base alla reazione della cute e alla specie a cui appartiene la medusa. Precisiamo infatti che, a differenza di quelle presenti nelle nostre acque, le meduse dei mari tropicali sprigionano un veleno molto tossico che può anche uccidere.

 

Cosa fare dopo una puntura di medusa?

Ecco i nostri 10 consigli:

 

1- uscire dall’acqua e tornare in spiaggia, se si è in alto mare è necessario mantenete la calma e nuotare velocemente per raggiungere la riva;

2- non toccare né la parte interessata dall’irritazione né altre parti del corpo, soprattutto occhi e bocca, altrimenti di rischia di diffondere il prurito;

3- non bagnare la cute infiammata con acqua fredda o ghiacciata, perché non serve a lenire il fastidio;

4- lavare con acqua di mare la parte irritata, mai con acqua dolce: potrebbe favorire la produzione di neurotossine che, a loro volta, potrebbero attaccare il sistema nervoso centrale causando problematiche anche gravi;

5- non usate l’alcol per bagnare la pelle, la irriterebbe ulteriormente;

6- non grattare dove avvertite il prurito, perché il rischio è di liberare più velocemente la sostanza tossica;

7- togliere i frammenti di tentacoli con le mani e mai con la pinzetta, perché un movimento brusco o improvviso potrebbe provocare graffi e piccole lacerazioni che libererebbero le tossine;

8- non fare pipì sulla puntura di medusa: non servirebbe a niente;

9- stendere una pomata a base di cortisone oppure un antistaminico sulla parte irritata e ben pulita. In quest’ultimo caso, evitate l’esposizione al sole che favorirebbe l’insorgere di reazioni cutanee;

10- usare un gel astringente al cloruro d’alluminio.

 

Se questi gesti di primo soccorso non dovessero bastare a lenire l’irritazione, bisogna rivolgersi a un medico.


Nessun commento inviato


Lascia un commento

Comment form Prima di commentare leggi le Avvertenze di rischio e delle Condizioni d'uso del sito, è necessario prenderne visione

 Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione delle Avvertenze di Rischio  e del Trattamento dei dati.
*



Tutti i campi (*) sono richiesti




lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 05/07/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.