Indietro

Dr Marco Floriani

Medico Chirurgo Specializzato in Angiologia e Chirurgia Vascolare

Menu
laurea

    02/11/1978 - MEDICINA E CHIRURGIA (MILANO)

    Iscrizione all'albo

    15/02/1979 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di MILANO (Ordine della Provincia di MILANO) n. 19073

    Specializzazione

    1984 - Specialista in Chirurgia Generale con voti 70/70 e Lode
    1989 - Specialista in Angiologia e Chirurgia Vascolare con voti 70/70 e Lode
    1990 - Idoneità Primariale in Chirurgia Generale con voti 95/100
    1990

    Abilitazione

    1978 /2  - Medicina e Chirurgia (MILANO)


Le emorroidi sono dei gavoccioli gonfi di sangue

I gavoccioli delle emorroidi possono essere asportati o chiusi

Scritto da
Dr Marco Floriani

Pubblicato il
06/08/2012

Le emorroidi come si curano. Tutte le tecniche classiche per trattare la malattia emorroidaria prevedono l'asportazione in un modo o nell'altro dei gavoccioli delle emorroidi.

Quando queste vene rigonfie di sangue provocano disturbi come il prolasso, sanguinamenti o altro, la parte più protrudente si asporta chirurgicamente ottenendo un risultato di solito buono se l'intervento è eseguito in modo corretto.

Ci sono molti altri metodi ma il principio è sempre il medesimo.

Tuttavia questa asportazione dei gavoccioli delle emorroidi insieme a una parte della mucosa rettale determina un trauma con ferite chirurgiche e, com'è noto, trattandosi di una zona particolarmente sensibile e innervata i dolori nelle settimane successive all'intervento di solito sono indimenticabili.

 

Curare le cause. Esiste oggi un altro metodo che non prevede nessun atto chirurgico sulle emorroidi perché parte da un altro principio.

Se le emorroidi creano problemi quando si ingrossano e diventano turgide perché hanno pareti deboli e ricevono quindi troppo sangue gonfiandosi, anziché agire sulle conseguenze, e cioè su questi bubboni di sangue o gavoccioli, si agisce sulle cause che li determinano; possiamo così ottenere lo stesso risultato ma con un trauma infinitamente minore.

L'idea è nata nel 1995 a un chirurgo giapponese, Morinaga, che ha inventato un metodo particolare: con un anoscopio si entra del canale anale e nel retto e attraverso l’anoscopio si inserisce una micro sonda doppler strisciandola circonferenzialmente sulla mucosa del retto; si individuano così le arterie emorroidarie superiori, cioè quelle arterioline che riforniscono di sangue le emorroidi, e con dei punti si pinza la mucosa del retto laddove ci sono queste arterioline, si fa il nodo e quindi, tutte o in parte, si chiudono.

In questo modo il rifornimento di sangue alle emorroidi si riduce e nelle settimane successive le emorroidi restano in loco ma i gavoccioli sono molto meno congestionate e molto meno turgide, il che è sufficiente nella stragrande maggioranza dei casi per curare il problema.

 

Parleremo in un altro articolo del recente intervento con il laser.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 21/08/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti