Indietro

Prof. Dr Michele Lomuto

Medico Chirurgo Specializzato in Dermatologia

Menu
laurea

    17/11/1966 - MEDICINA E CHIRURGIA (BARI "ALDO MORO")

    Iscrizione all'albo

    02/04/1984 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di FOGGIA (Ordine della Provincia di FOGGIA) n. 3216

    Specializzazione

    10/07/1968 - DERMOSIFILOPATIA (BARI "ALDO MORO")

    23/11/1973 - ALLERGOLOGIA ED IMMUNOLOGIA CLINICA (FIRENZE)

    Abilitazione

    1967 /1  - Medicina e Chirurgia (BARI "ALDO MORO")


Per un’abbronzatura corretta prendere il sole soltanto d’estate

Abbronzatura ad ogni costo: grave pericolo

Scritto da
Prof. Dr Michele Lomuto

Pubblicato il
30/08/2012

Abbronzatura tutto l’anno: un guaio. Recentemente sono apparse numerose ricerche fatte anche in Australia che hanno evidenziato come l’aumento dell’insorgenza del melanoma sia anche legata alla cattiva abitudine di mettersi sotto le lampade a ultravioletti per ottenere un'abbronzatura tutto l'anno. Le radiazioni ultraviolette danneggiano la pelle che durante l’inverno dovrebbe riparare il danno subito. Se invece si vuole essere abbronzati tutto l’anno non si dà alla pelle questa opportunità, determinando così il fotoinvecchiamento.

Questo significa che l’abbronzatura fa invecchiare precocemente la pelle predisponendola con più facilità al melanoma, al carcinoma spino cellulare e a quello basocellulare, oltre a tutte le altre neoplasie cutanee. Quindi durante l’inverno bisogna far riposare la pelle e prendere il sole solo d’estate.

 

Gli abbronzanti casalinghi. Questi intrugli sono pericolosissimi, specie quelli ottenuti con la macerazione delle foglie di fico, che molti si spalmano sulla pelle prima di esporsi al sole pensando di abbronzarsi più velocemente. Ma il succo del fico, come anche del finocchio e di altri vegetali, contiene le furanocumarine che sono fotoattivatori e non sapendo la quantità di queste sostanze e le modalità di applicazione c’è chi finisce ricoverato in ospedale ai grandi ustionati. E pensare che fino a pochi anni fa i giornali durante l'estate pubblicavano queste ricette cosiddette “naturali”! Queste soluzioni empiriche non sono altro che la modernizzazione di quello che si faceva, come è descritto nelle piramidi egiziane, già 4000 anni con effetti devastanti.

 

Sole e abbronzatura. Il sole fa bene alla nostra salute. Uno dei suoi effetti è la liberazione delle endorfine che ci fanno sentire più tonici e gioiosi. Ma per un’abbronzatura senza conseguenze negative il sole va preso d’estate con la protezione solare e una volta tornati a casa va messo il doposole idratante e disinfiammante. Per quanto riguarda poi il prendere il sole per la vitamina D3 antirachitica occorre tener presente uno studio fatto nell'area di Boston alcuni anni fa che ha dimostrato che 3 esposizioni al sole di un quarto d’ora ciascuno di décolleté, mani e al massimo avambracci sono sufficienti a produrre la quantità di vitamina D3 necessaria alla nostra salute. In pratica si tratta di un'esposizione al sole per 45 minuti alla settimana.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti