Indietro

Dr Annalisa Pizzetti

Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia

Menu
laurea

    02/11/1988 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    12/07/1989 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.40841

    Specializzazione

    04/12/1992 - Dermatologia e Venereologia N.O.

    Abilitazione

    1988 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


La cute può essere efficacemente rigenerata

Scritto da
Dr Annalisa Pizzetti

Pubblicato il
27/03/2013

La cute trattata con il peeling. Il peeling, come trattamento per levigare e migliorare l'aspetto della cute, è conosciuto fin dall'antichità.

Numerose testimonianze ci pervengono dall'Egitto, dalla Grecia, dalla Turchia, dall'India e da Babilonia. Infinite sono le sostanze utilizzate: polveri di piante e fiori o anche zolfo, pomice e altri minerali finemente macinati e miscelati a sostanze ed ingredienti di origine vegetale.

Più recentemente l'utilizzo dei vari tipi di peeling ci ricorda P.G. Unna , dermatologo tedesco, che studiò e sperimentò con successo numerose sostanze e metodiche per il peeling.

Infatti nel 1882 descrisse, sperimentò e pubblicò i risultati ottenuti con l'impiego dell'acido salicilico, della resorcina, del fenolo e dell'acido tricloroacetico.

Un dermatologo inglese, Mackee, utilizzò e sperimentò, pubblicandone i risultati nel 1952, il fenolo per il trattamento delle cicatrici post-acneiche.

La Gassè ha elaborato la tecnica occlusiva post-peeling al fenolo, sperimentata durante la prima guerra mondiale e importata negli USA dalla nipote Antoinette negli anni '30 e '40, per il trattamento delle rughe e delle cicatrici post-acneiche.

L'uso dell'acido tricloracetico, dell'acido salicilico e dell'acido lattico è divenuto sempre più popolare dagli anni '70 agli anni '80, periodo in cui Van Scott, Yu e Murad divulgarono i risultati ottenuti nella terapia di numerosi inestetismi e patologie della cute con l'utilizzo dell'acido glicolico e degli AHA in generale.

Il peeling chimico odierno è quindi un metodo ampiamente collaudato. 

 

Il rinnovamento della cute. La cute è un organo dinamico. Ogni giorno il suo strato corneo elimina, attraverso un meccanismo fisiologico, un numero infinito di cellule cheratinizzate.

Il peeling è una forma accelerata di esfoliazione che avviene attraverso l'uso di una sostanza chimica. Un peeling molto superficiale accelera l'esfoliazione naturale dello strato corneo, mentre un peeling che agisce a livello più profondo crea necrosi e infiammazione nell'epidermide, nel derma papillare o nel derma reticolare. 

 

Il peeling chimico determina significative mutazioni nella pelle attraverso tre meccanismi d'azione:

- Stimolazione del ricambio cellulare tramite la rimozione delle cellule morte dello strato corneo.

- Eliminazione di cellule epidermiche danneggiate e degenerate che sono rimpiazzate da cellule epidermiche sane. Questo risultato è particolarmente evidente nel trattamento delle cheratosi attiniche e delle pigmentazioni anomale.

- Introduzione di una reazione infiammatoria e attivazione dei mediatori dell'infiammazione (un meccanismo ancora poco conosciuto) che attiva la produzione di nuove fibre di collagene e di glicosaminoglicani (meccanismi rivitalizzanti del derma) 

 

I rischi dei trattamenti. Poiché i peeling, che agiscono a livelli epidermici profondi, comportano anche rischi di complicazioni ed esiti indesiderati, è indispensabile eseguire i trattamenti e le terapie che ottengono i migliori risultati con il minor rischio possibile.

Questo è il concetto moderno di peeling: la gradualità.

Eseguendo varie sedute di peeling superficiali o di media profondità si ottengono, attraverso un risultato cumulativo, risultati estetici eccellenti e duraturi senza rischi di effetti indesiderati.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 19/11/2019 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicitĂ  o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.