Indietro

Dr Marco Diena

Cardiochirurgo

Menu
laurea

    11/11/1985 - Medicina e Chirurgia (Torino)

    Iscrizione all'albo

    17/03/1986 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Torino (Ordine della Provincia di Torino) n. 0000013739

    Specializzazione

    Chirurgia

    Abilitazione

    1985 /2  - Medicina e Chirurgia (Torino)


Il Pacemaker consente un corretto ritmo cardiaco

Il Pacemaker adatta il ritmo cardiaco allo sforzo dell’individuo

Scritto da
Dr Marco Diena

Pubblicato il
26/09/2012

La funzione del Pacemaker. Il cuore umano ha un proprio ritmo cardiaco autonomo che dipende dalle cellule proprie di alcune zone del cuore che stabiliscono la frequenza, cioè il numero di battiti al minuto, e  che possono essere controllate dal sistema nervoso autonomo: quando una persona fa uno sforzo la frequenza aumenta e quando va a dormire la frequenza scende.

Ci sono sistemi di controllo di questa frequenza cardiaca, mentre il ritmo proprio del cuore, quando il soggetto diventa anziano o in alcune malattie, può avere dei disturbi tali da richiedere l'impianto del Pacemaker.

 

La necessità del Pacemaker. Questo dispositivo è indispensabile quando la frequenza del cuore scende sotto ai livelli di 45/50 battiti al minuto, oppure quando si verificano dei blocchi e cioè delle pause molto lunghe nel ritmo del cuore, in queste pause lunghe la pressione sanguigna scende e il soggetto può avere degli svenimenti o delle sincopi.

Per evitare questo esiste ormai da molti anni la possibilità di impiantare un Pacemaker che è un dispositivo elettronico sempre più sofisticato in grado di dare un nuovo ritmo al cuore, non soltanto un ritmo standard ma che può adattarsi agli sforzi del soggetto.

Cioè se l'individuo fa degli sforzi nella ginnastica, o comunque in un’attività fisica o sportiva, il Pacemaker è in grado di captare questi sforzi e aumentare la frequenza del battito cardiaco.

 

L’evoluzione del Pacemaker. Questi Pacemaker negli anni si sono evoluti, grazie alla tecnologia applicata alla medicina, e oggi sono quindi in grado di dare risposte adeguate alle necessità del cuore e di tutto l'organismo.

Poiché è chiaro che se un cuore a riposo pompa circa 4 litri di sangue al minuto, quando è sotto sforzo riesce a pompare 10 o15 o addirittura 20 litri al minuto e questo lo fa grazie all'aumento della contrattilità e della frequenza cardiaca; con i Pacemaker dell'ultima generazione queste possono essere adattate allo sforzo.

I Pacemaker infatti non solo sono adattabili, ma sono anche sempre più piccoli.

I primi Pacemaker avevano la dimensioni di un pacchetto di sigarette mentre oggi sono di pochi centimetri e sono molto sottili a tutto beneficio dei pazienti che ricevono questi impianti.

 

Dispositivi particolari. Esistono particolari Pacemaker per alcune malattie di cuore, per esempio quando il muscolo si contrae poco oppure la conduzione dell'impulso elettrico dentro il cuore è difficoltosa o rallentata.

Da qualche anno sono disponibili Pacemaker sequenziali talmente raffinati da coordinare meglio la contrazione cardiaca in modo da renderla più efficiente ed efficace.

Esiste cioè nell’ambito cardiologico, e più specificamente in quello elettrofisiologico, una gamma di Pacemaker, tra cui quelli bicamerali e a risposta che sentono come batte il cuore ecc., che consentono di dare una cura sempre più appropriata a quei pazienti che hanno un disturbo del ritmo cardiaco in termini di rallentamento eccessivo del battito del cuore.

 

Proseguiamo in  un altro articolo a parlare di Pacemaker



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.