Indietro

Dr Marco Diena

Cardiochirurgo

Menu
laurea

    11/11/1985 - Medicina e Chirurgia (Torino)

    Iscrizione all'albo

    17/03/1986 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Torino (Ordine della Provincia di Torino) n. 0000013739

    Specializzazione

    Chirurgia

    Abilitazione

    1985 /2  - Medicina e Chirurgia (Torino)


Il Pacemaker stimola il battito cardiaco

Il Pacemaker con defibrillatore ripristina il battito cardiaco anche se il cuore si è fermato

Scritto da
Dr Marco Diena

Pubblicato il
26/09/2012

Proseguiamo, dal precedente articolo, a parlare di Pacemaker.

 

Chirurgia del Pacemaker. L'impianto del Pacemaker viene eseguito da un cardiologo che si occupa di elettrofisiologia.

L'impianto avviene nel tessuto sottocutaneo sotto la clavicola di destra o di sinistra, più frequentemente di sinistra nei destrimani, e poi si infilano nella vena succlavia dei piccoli cateteri che arrivano fino al cuore in modo da stimolare direttamente il muscolo e quindi il battito cardiaco.

 

La componente elettrica. L’alimentazione del Pacemaker è a batterie che da alcuni anni sono molto affidabili, durano a lungo e non c'è il rischio che si scarichino perché per i Pacemaker si fanno dei controlli annuali e si vede molto bene quando la batteria comincia a perdere potenza e si può  quindi provvedere a sostituirla senza grossi problemi.

Comunque la durata di queste batterie è sempre più lunga; non c'è ovviamente una durata fissa perché dipende dal tipo di Pacemaker e da quanto deve intervenire.

Si può controllare facilmente l'efficienza del dispositivo e, come controlliamo sul telefonino quanto è carica la batteria, così noi controlliamo la batteria del Pacemaker; la sola differenza è che la batteria del telefonino dura due, tre giorni,o una settimana, mentre quella del Pacemaker dura anni.

 

La prescrizione del Pacemaker. Le applicazioni del Pacemaker sono attualmente molto vaste, ma è necessaria un’indicazione diagnostica precisa, nel senso che si studia attentamente con dei cateteri la conduzione del ritmo elettrico all’interno del cuore e l’Elettrofisiologo, che è quel Cardiologo che si occupa proprio di queste malattie, è in grado di individuare i soggetti a rischio e cioè coloro che hanno avuto delle sincopi che sono proprio il caratteristico campanello di allarme per queste patologie.

Soprattutto se il soggetto che ha avuto uno svenimento è al di sopra dei settant'anni bisogna assolutamente indagare se ha proprio un rallentamento eccessivo del battito cardiaco  in alcuni momenti della giornata.

 

Gli sviluppi ulteriori del Pacemaker. Lo sviluppo della tecnologia di questo dispositivo è già in corso d'opera con ottimi risultati, perché esistono già da un po' di tempo dei Pacemaker che hanno al loro interno una batteria con la funzione di defibrillatore.

Si tratta di Pacemaker adatti a quei soggetti che hanno la probabilità di avere degli arresti cardiaci; questo defibrillatore, impiantabile, è infatti in grado di dare la scossa adeguata al cuore nel caso in cui si dovesse fermare.

È chiaro che sono dei dispositivi “salvavita” e che l’impianto di questi speciali Pacemaker deve essere eseguito ad hoc sotto il controllo dello Specialista.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.