Dr Paolo Santachè

Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Plastica

Menu
laurea

    Medicina e Chirurgia (1974)

    Specializzazione

    Chirurgia plastica (1977)

    Abilitazione

    Medicina e Chirurgia (1975)


Protesi mammarie: sono sicure


Le protesi mammarie compiono cinquant’anni.

 

I continui progressi. Ci sono quindi cinquant’anni di sperimentazione umana, milioni di casi e cinquant’anni in cui le protesi mammarie sono state continuamente migliorate.

 

Il livello raggiunto. Le protesi mammarie di oggi sono di altissimo livello, estremamente robuste, affidabili.

 

I materiali. Sono sempre gli stessi, i polimeri di silicone, assolutamente biocompatibili, di grosse molecole, che non possono provocare la formazione di anticorpi, quindi non ci possono essere rigetti, non ci possono essere allergie.

 

Il silicone. È dimostrato che la protesi di silicone non causa nessuna malattia, consente qualsiasi tipo di diagnosi preventiva per le malattie della mammella.

 

Un presidio sicuro. Direi che è veramente un presidio assolutamente sicuro.


Videointervista del: 06/11/2009


Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 08/04/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.