Indietro

Prof. Dr Francesco Lippi

Medico Chirurgo Specializzato in Endocrinologia

Menu
laurea
    26/10/1979 - Medicina e Chirurgia (Pisa)
    Iscrizione all'albo

    19/12/1979 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Pisa (Provincia di Pisa) n. 01879

    Specializzazione
    13/07/1982 - Endocrinologia 
    08/07/1987 - Medicina Nucleare
    Abilitazione

    1979 /2 - Medicina e Chirurgia (Pisa)


Come curare l’ipertiroidismo: l’intervento chirurgico di tiroidectomia

Per gli interventi chirurgici dell’ipertiroidismo: tiroidectomia e lobectomia

Scritto da
Prof. Dr Francesco Lippi

Pubblicato il
17/09/2012

In un precedente articolo abbiamo visto i sintomi dell’ipertiroidismo e le varie tipologie, ora iniziamo a vedere come curare l’ipertiroidismo.

 

Come curare l’ipertiroidismo. Per quanto riguarda il trattamento dell’ipertiroidismo, l’intervento deve essere quasi immediato perché il paziente sta molto male.

Questo è rappresentato da una terapia medica; oppure, come terapia finale, da una terapia con lo iodio 131 (terapia radiometabolica con iodio radioattivo); oppure da un intervento chirurgico di tiroidectomia totale.

 

La terapia medica. Tra i farmaci che vengono utilizzati per curare l’ipertiroidismo il più comune è il Metimazolo, oppure il Carbimazolo o il Propiltiouracile.

Tutti questi principi attivi hanno come meccanismo di azione il blocco della sintesi degli ormoni tiroidei.

In pratica viene inibita l’organificazione dello iodio e la conversione periferica della T4 in T3.

Si blocca quindi la trasformazione della tiroxina in triiodotironina che rappresenta l’ormone attivo, quello che provoca i disturbi dell’ipertiroidismo.

Naturalmente, come per tutti i farmaci, ci possono essere degli effetti collaterali, come ad esempio l'aumento delle transaminasi fino a casi di epatite tossica, la rimozione dei globuli bianchi e cioè la neutropenia, e le allergie cutanee come l'eritema e il prurito.

L'efficacia della terapia medica è bassa perché siamo intorno al 50% degli esiti positivi.

 

Come curare l’ipertiroidismo chirurgicamente. Quando siamo obbligati a fare l’intervento chirurgico dobbiamo scegliere tra la tiroidectomia totale o sub-totale e la lobectomia, cioè l’asportazione di metà della tiroide.

Nel morbo di Basedow e nel gozzo nodulare tossico si esegue il primo tipo di intervento; nell’adenoma tossico, e cioè nel nodulo tossico caldo che porta all’ipertiroidismo, si può ricorrere invece alla lobectomia.

 

Le controindicazioni chirurgiche. Anche nel caso dell’intervento chirurgico, come in altre terapie per curare l’ipertiroidismo, ci sono naturalmente delle controindicazioni o delle complicanze che sono rappresentate dalla possibile lesione dei nervi ricorrenti o dal lipo-paratiroidismo permanente che fortunatamente, almeno nella nostra casistica, si riduce a valori intorno all’1%.

 

In un altro articolo continuiamo a parlare di come curare l’ipertiroidismo questa volta con la terapia radiometabolica.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 01/10/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.