Indietro

Prof. Dr Francesco Lippi

Medico Chirurgo Specializzato in Endocrinologia

Menu
laurea
    26/10/1979 - Medicina e Chirurgia (Pisa)
    Iscrizione all'albo

    19/12/1979 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Pisa (Provincia di Pisa) n. 01879

    Specializzazione
    13/07/1982 - Endocrinologia 
    08/07/1987 - Medicina Nucleare
    Abilitazione

    1979 /2 - Medicina e Chirurgia (Pisa)


Come riconoscere i sintomi dell’ipertiroidismo, una delle patologie della tiroide

Ipertiroidismo: eccessiva produzione di ormoni della tiroide

Scritto da
Prof. Dr Francesco Lippi

Pubblicato il
17/09/2012

Che cos’è l’ipertiroidismo. È una condizione morbosa della tiroide caratterizzata dall'eccessiva produzione di ormoni tiroidei T3 e T4.

L’ormone tiroideo più importante è la Tiroxina che poi viene convertita a livello periferico in triiodotironina che è l’ormone attivo.

 

Sintomi dell’ipertiroidismo. I sintomi dell’ipertiroidismo sono in prevalenza rappresentati da nervosismo, stanchezza, debolezza, sudorazione e intolleranza al caldo, da tremori, da palpitazioni e anche da un aumento dell'appetito in concomitanza con una riduzione del peso, soprattutto della massa magra.

Altri sintomi dell’ipertiroidismo sono un’alterazione del ciclo mestruale e l’aumento della sequenza dell’alvo, ovvero dell’attività del canale intestinale.

I sintomi dell’ipertiroidismo che evidenziano questa patologia sono soprattutto: tachicardia, cute calda e liscia, iperreflessia, debolezza muscolare e detrazione della palpebra.

 

Chi e come colpisce l’ipertiroidismo. I sintomi dell’ipertiroidismo si manifestano e colpiscono in prevalenza il sesso femminile, con un rapporto di cinque a uno e con un picco massimo tra i 30 e i 40 anni.

La patologia può avere un esordio improvviso, soprattutto nel morbo di Basedow, o in maniera subdola come nel gozzo nodulare.

 

La diagnosi. La diagnosi è l’individuazione della malattia in base all'analisi dei sintomi dell’ipertiroidismo. Questa può essere fatta tramite indagini di laboratorio, misurando gli ormoni tiroidei nel sangue T3 e T4 e il TSH che è l’ormone dell'ipofisi che controlla la funzione tiroidea.

Gli anticorpi anti-tireoglobulina e anti-tireoperossidasi sono positivi nei pazienti affetti da malattie autoimmuni e gli anticorpi anti-recettori del TSH sono sempre positivi nella malattia di Basedow.

Tra gli esami strumentali che vengono eseguiti vi è l'ecografia può essere fatta anche con l’Ecocolordoppler e la Scintigrafia tiroidea fatta in genere con lo iodio 131 perché serve a misurare la captazione dello iodio nella tiroide cioè quanto la ghiandola è capace di assorbirne.

 

Le tipologie. Dal punto di vista della classificazione delle patologie della tiroide si può avere:

- gozzo diffuso tossico, detto anche morbo di Basedow;

- gozzo multinodulare tossico;

- adenoma tossico e quindi con un nodulo unico;

- eccesso di iodio che può avvenire per l’interferenza con altri farmaci.

Ad esempio c’è un farmaco anti-aritmico molto importante che è l’amiodarone cloridrato che viene prescritto per un problema cardiologico di aritmia ma può indurre l’ipertiroidismo in maniera drammatica.

Ci sono quindi forme di ipertiroidismo da farmaci; e poi ci sono forme di ipertiroidismo transitorio legate a patologie autoimmuni come nella tiroidite di Hashimoto, nella tiroidite subacuta o in altre tiroiditi con dolore.

 

Pertanto in presenza di sintomi dell’ipertiroidismo è necessario consultare quanto prima un endocrinologo.

 

Proseguiamo l’argomento in un altro articolo parlando di come curare l’ipertiroidismo.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 23/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.