Indietro

Prof. Dr Francesco Lippi

Medico Chirurgo Specializzato in Endocrinologia

Menu
laurea
    26/10/1979 - Medicina e Chirurgia (Pisa)
    Iscrizione all'albo

    19/12/1979 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Pisa (Provincia di Pisa) n. 01879

    Specializzazione
    13/07/1982 - Endocrinologia 
    08/07/1987 - Medicina Nucleare
    Abilitazione

    1979 /2 - Medicina e Chirurgia (Pisa)


La terapia radiometabolica può curare l’ipertiroidismo

Per l’ipertiroidismo: terapia radiometabolica oltre a quella medica o chirurgica

Scritto da
Prof. Dr Francesco Lippi

Pubblicato il
17/09/2012

Nei precedenti articoli su come curare l’ipertiroidismo abbiamo visto i sintomi, le tipologie e alcune terapie. Analizziamo ora la terapia radiometabolica.

 

La terapia radiometabolica: terapia con lo iodio radioattivo. È una tecnica valida che noi utilizzano molto spesso.

Tuttavia è legata al volume della ghiandola e quindi se la tiroide è troppo grande non la si può utilizzare e per curare l’ipertiroidismo dobbiamo ricorrere all'intervento chirurgico tenendo presente se ci sono stati dei fenomeni di allergia o effetti collaterali ai farmaci, o se ci sono controindicazioni chirurgiche.

La terapia radiometabolica non è nuova perché risale al 1940 ed è stata pubblicata per la prima volta da Chatwan sul Jama nel 1983; oggi è utilizzata molto di frequente, perché ha un’efficacia particolarmente elevata.

La terapia con lo iodio radioattivo nel morbo di Basedow è calcolata sulla valutazione della captazione con la scintigrafia dalla quale si calcola il livello di assorbimento dello iodio da parte della tiroide e si calcola la quantità necessaria per il riequilibrio.

Viene associata a una terapia cortico-steroidea per bocca a scopo preventivo nei confronti della comparsa della patologia oculare ovvero della oftalmopatia basedowiana.

 

Il Carbolitio. In alcuni pazienti si utilizza anche il Carbolitio che ha un effetto a breve termine (il Carbolitio è una sostanza che viene utilizzata dagli psichiatri); si è scoperto che aumenta il tempo di residenza dello iodio nella tiroide aumentando la percentuale di guarigioni in questi pazienti.

 

I risultati terapeutici della terapia radiometabolica. Nel morbo di Basedow circa l’80-85% dei pazienti guariscono dopo la prima terapia, il 10% può avere una recidiva e un 5% rimane affetto da ipertiroidismo ma col tempo va verso l’ipotiroidismo.

 

Le controindicazioni della terapia radiometabolica. La terapia è controindicata in gravidanza, nell'allattamento, quando nella tiroide sono presenti noduli sospetti o quando è presente un tireotossicosi marcata.

In questi casi non conviene fare il trattamento di terapia radiometabolica perché la recidiva è abbastanza elevata.

Un'altra controindicazione da considerare è l'età: non è opportuno trattare infatti pazienti sotto i diciott'anni ed in particolare per la donna è bene attendere la maturità dell'ovaio prima di un trattamento radiometabolico dell’ipertiroidismo.

 

Del morbo di Basedow, una delle cause del’ipotiroidismo, parliamo in un altro articolo.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 27/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicitĂ  o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.