Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Cheratectomia refrattiva è una chirurgia laser molto affidabile

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
27/03/2013

Cos’è la cheratectomia refrattiva. La cheratectomia refrattiva, o PRK, è un tipo di chirurgia refrattiva laser che, con un raggio di luce fredda ultravioletta controllato da un computer, rimodella delicatamente la cornea rimuovendone una microscopica quantità (micron) di tessuto dalla sua porzione esterna. L’excimer laser è così preciso che può incidere delle tacche consecutive in un capello umano senza romperlo.

 

Quando la cheratectomia refrattiva. È una procedura chirurgica ambulatoriale che viene effettuata in anestesia locale ed è utilizzata per il trattamento della miopia, dell’ipermetropia e dell’astigmatismo.

 

Cosa ottiene la cheratectomia refrattiva. Oggigiorno, in pazienti selezionati ed altamente motivati che soffrono di presbiopia, è possibile raggiungere con la chirurgia refrattiva un nuovo “stato refrattivo” post-operatorio (“visione combinata”) con il quale l’occhio dominante è corretto al meglio per la visione per lontano e l’altro occhio prevale lievemente nella visione per vicino.
A seguito di questo tipo di chirurgia i pazienti non hanno bisogno di occhiali durante la maggior parte delle loro attività giornaliere (ad eccezione della guida in automobile e di una lettura prolungata).

 

L’evoluzione tecnologica. La possibilità di eseguire delle “ablazioni customizzate” (personalizzate) nei pazienti che hanno un diametro pupillare particolarmente elevato e una ridotta rimozione di tessuto corneale nei pazienti che hanno delle cornee particolarmente sottili, rappresentano due delle più recenti evoluzioni di questa rivoluzionaria tecnica chirurgica.

 

La diagnostica pre-operazione. Per rendersi conto se il paziente è realmente un buon candidato all’esecuzione di una cheratectomia refrattiva è necessario eseguire un’ampia serie di esami diagnostici prima di pianificare la chirurgia.
Se le caratteristiche oculari (spessore corneale, curvatura corneale, diametro pupillare) e il numero di diottrie da correggere corrispondono agli standard internazionali richiesti, questa tecnica rappresenta di fatto una delle procedure chirurgiche più sicure esistenti oggigiorno in oculistica.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 14/11/2019 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicitĂ  o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.