Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Chirurgia della cataratta: ora più semplice e con molti vantaggi

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
27/03/2013

In quale direzione si è mossa la chirurgia della cataratta? Si è mossa verso la miniaturizzazione della tecnica chirurgica.
Ovvero innanzitutto si è voluto rendere la chirurgia della cataratta eseguibile in un cosiddetto sistema chiuso intendendo che la chirurgia della cataratta con la facoemulsificazione e la microincisione è paragonabile alla chirurgia endoscopica, come quella addominale per la quale prima si praticava la laparoscopia e cioè una grande ferita.

 

Quali sono stati i vantaggi della nuova chirurgia della cataratta? Innanzitutto l’eliminazione delle più gravi complicanze intra-operatorie che erano:
- le emorragie espulsive, perché si praticava una grande ferita chirurgica e durante l'intervento si potevano avere della complicanze;
- la riduzione enorme del rischio di infezioni;
- la riabilitazione del paziente che può avvenire anche in giornata;
- la possibilità di rendere questa chirurgia assolutamente ambulatoriale e di gestirla semplicemente mediante l’anestesia topica con i colliri.

 

Quale altro vantaggio c’è stato? Che sono stati sviluppati molto recentemente dei materiali ottici (o per lo meno dei cristallini artificiali) che sono dotati di proprietà ottiche, e cioè indici di rifrazione, che comportano la limitazione o addirittura la quasi completa eliminazione delle aberrazioni di tipo cromatico o ottiche di fatto presenti nei cristallini naturali, e che riescono in alcuni casi a compensare anche le aberrazioni presenti a livello della cornea del paziente.

 

Cosa significa questo? Che è lecito parlare di una vera e propria “supervista” (anche se è un termine che va ben specificato) ottenibile dopo l’intervento chirurgico perché ci troviamo ad avere un mezzo refrattivo, una lente, che ha capacità ottiche superiori a quelle che Madre Natura ci ha fornito.

 

Le invenzioni dell’uomo. L’uomo è generalmente portato a scimmiottare Madre Natura per ottenere il massimo beneficio e lo ha fatto imitando il volo degli uccelli costruendo aeroplani che vanno però a mille chilometri all’ora e non a cento.
Ha fatto lo stesso nell’ottica creando il microscopio che permette di vedere con un capacità di ingrandimento di mille o diecimila volte; e così ha fatto introducendo materiali ottici diversi e superiori al cristallino naturale consentendo ai pazienti di ripristinare o di guadagnare una visione superiore a quella presente prima dell’insorgenza della cataratta.

 

La supervista. È per questo che molti che si interessano di ottica hanno parlato della possibilità di ottenere una vera e propria supervista.
Questo comunque chiarendo preventivamente, per non dare false aspettative, cosa bisogna intendere per supervista.

 

La cataratta non operata porta a vera e propria cecità. Negli anni passati con la vecchia chirurgia si esponeva il paziente a rischi operatori molto importanti perché si aspettava che il cristallino diventasse sempre più opacizzato e la cataratta maturasse.
Oggi c’è una controtendenza: con la facoemulsificazione si tende infatti a operare il paziente, non precocemente perché non si opera nessuno in mancanza della malattia, ma in tempi tali da intervenire sul cristallino quando la sua durezza non è troppo elevata.
Altrimenti gli ultrasuoni non ce la farebbero a frammentarlo, non si potrebbe creare un sistema chiuso e bisognerebbe ricorrere alla chirurgia tradizionale obsoleta.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.