Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Il foro della macula retinica è una grave malattia della retina

Il foro della macula retinica è una malattia della retina che fa scadere la qualità visiva

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
08/10/2012

Il foro della macula retinica è una grave malattia della retina che, anche se è stata già trattata, merita un ulteriore approfondimento.

Il foro della macula retinica infatti interessa la porzione più importante della retina, quella centrale, preposta alla visione più dettagliata che ci permette di riconoscere i particolari più dettagliati delle immagini che ci provengono dall'ambiente esterno e che sono proiettate sulla retina da cui poi, attraverso il nervo ottico, sono trasmesse alla corteccia cerebrale.

 

Le cause. Il foro della macula retinica, come abbiamo sottolineato in precedenza, può essere la risultanza di più fattori.

Il più importante è l'edema maculare cosiddetto cistoide, che avviene per patologie di carattere infiammatorio, uveiti posteriori, conseguenze post chirurgiche, la sindrome di Irwine - Gasse, eventi traumatici o anche l’evoluzione progressiva di un Pucker maculare.

Tutte queste possano portare alla formazione di un foro lamellare che può avvenire in fase brusca e immediata o può determinarsi attraverso tappe successive, passando da un foro maculare lamellare, quindi incompiuto, fino ad evolversi in un foro maculare a tutto spessore.

 

I sintomi. Se il paziente si accorge di avere un'alterazione delle immagini centrali, con un importante scadimento della qualità visiva, deve contattare un centro di riferimento perché è possibile che ci troviamo in presenza di un foro maculare.

 

La diagnosi rileva che la compromissione visiva del paziente deriva dal fatto che una delle porzioni più importanti della struttura retinica, e cioè i fotorecettori (coni e bastoncelli), e lo strato cosiddetto giunzionale I/S-O/S (In Segment - Out Segment) sono alterati.

 

La terapia chirurgica. Il foro della macula retinica può essere trattato nella maggioranza dei casi se, in tempi rapidi, si procede ad un intervento chirurgico.

Questo consiste in una vitrectomia via “pars plana”, anatomicamente una zona situata a circa 3,5 - 4 mm dal limbus corneale.

 

Il tipo di operazione. Si tratta di un intervento intraoculare e perciò invasivo, ma l’elevato livello di miniaturizzazione strumentale fa in modo che oggi il bulbo oculare, anche nel caso di un foro della macula retinica, possa affrontare il recupero post operatorio con un decorso praticamente inesistente e con rischi chirurgici che si approssimano allo zero anche nel caso di questa grave malattia della retina.

 

Esaminiamo le caratteristiche dell’intervento chirurgico nell’articolo seguente.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 18/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.