Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Le allergie oculari insorgono specialmente in primavera

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
27/09/2010

Le allergie oculari primaverile. Le allergie oculari possono essere la conseguenza di una predisposizione organica, perché un paziente può essere particolarmente sensibile a tutte le allergie che si scatenano nel periodo primaverile.

Quindi allergie al polline, allergie alle graminacee, e a tutte le sostanze che si possono facilmente testare con i test allergometrici. 

 

Il consiglio in caso di allergie oculari. Il primo consiglio è di considerare che esistono dei veri e propri osservatori con i quali è possibile sintonizzarsi anche su internet e avere un monitoraggio quotidiano per conoscere la quantità e la tipologia dei pollini presenti in alcune zone italiane.

Ci sono infatti delle università e dei centri predisposti. 

 

Prima cosa: allontanare l'allergene. Quando le allergie oculari derivano da un fattore stagionale, come le pollinosi che sono molto frequenti in primavera, o da un fattore ambientale che può essere la presenza degli acari della polvere, o dall'esposizione a sostanze che sono utilizzate per le pulizie o a qualsiasi altra sostanza allergizzante, la cosa più importante è quella di non curare il sintomo ma di rimuovere la causa e soprattutto il contato con l'allergene.

Quando si è in presenza di allergia al polline bisogna utilizzare sistemi filtranti come l'aria condizionata se si è in macchina o nell'ambiente, o mascherine e occhiali protettivi se siamo fuori, anche perché se c'è molto vento aumenta la frequenza del contatto con l'allergene. 

 

Seconda cosa: diluire l'allergene. In secondo luogo in caso di allergie oculari è opportuno diluire, anche con lacrime artificiali, la quantità dell'allergene penetrato nella congiuntiva che è molto reattiva a tutti questi agenti esterni, gli allergeni appunto. 

 

Terza cosa: usare antistaminici di ultima generazione. In terzo luogo utilizzare dei prodotti che in genere sono antistaminici di ultima generazione che permettono di controllare la risposta allergica. 

 

Quarta cosa: usare corticosteroidi. In quarto luogo fare uso di corticosteroidi in maniera occasionale e molto limitata e possibilmente che siano corticosteroidi di superficie.

Questo solo nel caso in cui l'esarcerbazione dei sintomi sia tale da non permettere al paziente di condurre una vita sociale e lavorativa sufficientemente valida. 

 

L'alimentazione. Infine una particolare attenzione deve essere rivolta anche all'alimentazione perché noi abbiamo una riserva che ci protegge dall'allergia e dalle sue reazioni che però non deve essere saturata a livello organico con l'esposizione magari a prodotti ingeriti che già hanno assorbito una parte delle difese naturali nei confronti degli allergeni.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 25/02/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.