Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Retina artificiale: quali prospettive

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
27/09/2010

Il progetto della retina artificiale. Questo progetto, partito una dozzina di anni fa e nato da un consorzio europeo e da consorzi americani, di fatto si prefigge di impiantare un microchip all'interno dell'occhio, che dovrebbe sostituirsi nella ricezione delle immagini alla struttura retinica, e di poter ritrasmettere per via retrograda immagini di qualità molto bassa. 

 

I rischi del progetto della retina artificiale. Il rischio è che ci possa essere un'estrusione dell'impianto e comunque le prospettive di pieno successo a medio termine sono abbastanza modeste.

Ciò è dovuto probabilmente al fatto che questo trasferimento di tecnologie dall'ingegneria del microchip alla bioingegneria dell'apparato oftalmico è ancora lontano da un'applicazione costante. 

 

Quale visione con la retina artificiale. Non siamo di fronte a un sogno ma bisogna tenere conto che di fatto allo stato attuale le concrete prospettive per i pazienti sono quelle di ottenere una visione molto scadente.

Naturalmente per un non vedente assoluto anche la possibilità di recuperare la luce e le ombre è un traguardo ambito; forse però la tecnologia moderna non è pronta per un'applicazione su larga scala. 

 

Quali aspettative. Va inoltre tenuto presente che le aspettative di pieno successo sono oggi inferiori a quelle di alcuni anni or sono.

Infatti in America, che è un po' il Gotha dell'oculistica mondiale, fino a due anni fa esisteva una sezione della Visione Artificiale che è stata cancellata perché le aspettative sono state deludenti. 

 

Il paziente al primo posto. Qualche volta il supporto medico aiuta anche lo sviluppo di nuove tecnologie.

Bisogna comunque fare attenzione che se si allarga troppo l'attenzione su un obiettivo del genere è fondamentale definire se vogliamo soltanto migliorare le tecnologie oppure fare in modo che siano applicabili meglio al paziente.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/05/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti