Indietro

Prof. Dr Andrea Cusumano

Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia

Menu
laurea

    29/11/1984 - Medicina e Chirurgia (Roma)

    Iscrizione all'albo

    27/06/1985 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di Roma) n.36084

    Specializzazione

    15/07/1988 - Oftalmologia

    Abilitazione

    1985 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma)


Visione in 3D: evitare le contaminazioni

Scritto da
Prof. Dr Andrea Cusumano

Pubblicato il
27/09/2010

La visione in 3D. La visione in 3D, ovvero in tre dimensioni, non porta nessun danno a meno che non si faccia un uso inappropriato, come ad esempio nelle sale cinematografiche, degli strumenti utilizzati. 

 

I rischi della visione in 3 D. L'unico rischio è che si trasferisca dagli occhiali, a una zona vicina all'occhio, qualche elemento contaminante come il virus della congiuntivite o come il virus erpetico o una patologia trasmissibile per contatto. 

 

I consigli. Al di fuori del contatto l'unico problema può essere quello di un affaticamento visivo importante che tuttavia passa nel giro di pochi minuti da quando vengono allontanati gli occhiali.

Nessuna limitazione quindi alla visione in 3 D se non il consiglio di utilizzare occhiali personali per evitare contaminazioni causate da utenti terzi.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 17/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti