Indietro

Prof. Dr Francesco Cognetti

Specialista in Oncologia

Menu
laurea

    30/10/1975 - Medicina E Chirurgia (Roma "La Sapienza")

    Iscrizione all'albo

    14/04/1976 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di ROMA)

    Specializzazione

    18/07/1984 - Oncologia
    16/03/1981 - Medicina Interna 

    Abilitazione

    1976 /1- Medicina e Chirurgia (Roma "La Sapienza")


Per vincere il carcinoma mammario: diagnosi anticipata e approccio integrato

Scritto da
Prof. Dr Francesco Cognetti

Pubblicato il
30/11/2011

Fonti:

Prof. Francesco Cognetti - Regina Elena – Roma (Vedi Link)

2nd International Meeting on News Drugs in Breast Cancer (Vedi Link)


 

A proposito del cancro del seno finalmente un dato positivo. Da dieci anni a questa parte in Italia, come in tutti i Paesi dell’Occidente, nonostante la comparsa del cancro del seno sia in costante aumento, si verifica una notevole riduzione della mortalità causata da questa malattia.

Un ulteriore dato di rilievo deriva inoltre dalla constatazione che la diminuzione degli esiti fatali del carcinoma mammario riguarda anche le donne giovani nonostante che, come è noto, per la diversa consistenza fisiologica della ghiandola mammaria, sia più difficile effettuare una diagnosi precoce rispetto alle donne in età più matura.

Questa constatazione è il risultato evidente di una maggiore e più diffusa attenzione al rischio del cancro del seno e alla possibilità, dopo averlo individuato, di mettere in atto terapie differenziate, da quella chirurgica a quella farmacologica.

Da oltre vent’anni si sono pertanto visti decrescere costantemente gli esiti infausti del carcinoma mammario (- 1,7% all’anno).

 

Un record italiano. In Italia, nelle donne in età inferiore ai 49 anni, si sono visti calare dell’11,2 % i casi di morte, stabilendo così un record assoluto che non ha uguali da che esiste la medicina scientifica, sia per il periodo relativamente breve in cui si è realizzato e sia perché si riferisce a una patologia sino ad oggi infausta nella maggioranza dei casi.

Una delle ragioni di questo significativo risultato positivo deriva dalle numerose e diffuse campagne di screening (prevenzione di massa) effettuate dal nostro Sistema Sanitario Nazionale - il più impegnato del mondo in questo senso - che hanno consentito, e lo permettono tuttora, di individuare anche tumori di dimensioni estremamente ridotte.

Infatti quando una neoplasia, all’atto della diagnosi, è meno di un centimetro, la possibilità di guarire raggiunge il 95% dei casi.

Solo quando i linfonodi ascellari si rivelano compromessi, l’esito positivo della terapia si riduce all’85% mantenendosi comunque a un livello di efficacia significativamente elevato.

 

Il ritardo diagnostico. Individuare il tumore in ritardo è un evento gravissimo perché quando la massa tumorale è superiore ai 5 cm. di diametro e ha compromesso i linfonodi, le possibilità di sopravvivere si riducono drasticamente sotto al 40% e, nel caso in cui i linfonodi intaccati siano più di 3, si riesce ad evitare un esito mortale solo nel 25% delle donne.

Ritardare la possibilità di una diagnosi può quindi risultare in molti casi fatale.

 

La diagnosi precoce e l’approccio integrato. Questo brillante risultato nei confronti degli esiti del cancro del seno è l’effetto evidente di una sensibile crescita qualitativa e metodologica dei criteri clinici adottati per affrontare in termini curativi questa grave patologia.

L’efficacia terapeutica deriva infatti dal coordinamento ottimale tra i vari interventi disponibili per debellare il carcinoma mammario, da quello chirurgico e radioterapico a quello farmacologico.

La scelta oculata dei componenti specifici di questa integrazione consente di ottenere la guarigione del cancro del seno di un numero di pazienti sempre più significativo, riducendo inoltre al minimo gli effetti collaterali e offrendo quindi una qualità della vita soddisfacente.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 16/07/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti