Indietro

Prof. Dr Francesco Violi

Specialista in Medicina Interna

Menu
laurea

    19/07/1974 - Medicina e Chirurgia (Roma "La Sapienza")

    Iscrizione all'albo

    07/05/1975 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di Roma (Ordine della Provincia di ROMA)

    Specializzazione

    12/07/1985 - Radiodiagnostica (Roma)

    Abilitazione

    1975 /1 - Medicina e Chirurgia (Roma "La Sapienza")


Le LDL - lipoproteine a bassa intensità - avviano la formazione della placca aterosclerotica

Scritto da
Prof. Dr Francesco Violi

Pubblicato il
17/01/2011

 La placca aterosclerotica. Si ritiene che lo stress ossidativo giochi un ruolo cruciale nell'induzione e nella progressione della malattia aterosclerotica.

Steinberg è stato tra i primi a postulare che le LDL (Low Density Lipoprotein - lipoproteine a bassa densità) modificate fossero responsabili dell'accumulo dei lipidi all'interno dei macrofagi, il primo importante passo nella formazione della placca aterosclerotica.

 

Le lipoproteine a bassa intensità. Nelle fasi più precoci, le LDL native tendono ad accumularsi nello spazio sottoendoteliale, subendo una minima ossidazione da parte delle cellule vascolari residenti attraverso l'attività di enzimi come la 12/15-lipoossigenasi.

A loro volta, le LDL parzialmente modificate portano, alla produzione di fattori chemotattici e di fattori stimolanti, le colonie granulocitiche e macrofagiche, che aumentano l'arruolamento di monociti circolanti e la loro differenziazione in macrofagi nella parete vasale. 

 

Fragilità e rottura della placca aterosclerotica. Si pensa che la stabilità di placca sia influenzata dalla presenza, localmente, dei mediatori dell'infiammazione, i quali possono stimolare l'espressione di molteplici enzimi proteolitici che sono causa della fragilità di placca e della successiva rottura. 

 

L'ossidazione delle LDL. Questa cascata infiammatoria promuove un'ulteriore ossidazione delle LDL, che determina cambiamenti sia funzionali che strutturali della parete vasale.

I macrofagi accumulano avidamente le particelle di LDL modificate dall'ossidazione e dall'acetilazione attraverso diversi recettori scavenger, tra cui CD36 e A-I/II, determinando l'accumulo di cellule schiumose e lo sviluppo della placca aterosclerotica. 

 

La tossicità delle lipoproteine. Allo stesso tempo le LDL ossidate, che sono direttamente tossiche per le cellule vascolari, portano all'insulto e alla disfunzione endoteliale, inattivando peraltro la capacità antipiastrinica intrinseca di questa barriera protettiva e la produzione di ossido nitrico con effetti deleteri sul tono e sulla reattività vascolare.

L'importanza nell'aterogenesi delle LDL ossidate è stata ulteriormente confermata dall'uso di anticorpi specifici anti-LDL ossidate, che sono stati in grado di localizzare le lesioni aterosclerotiche nella parete vascolare.



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 14/11/2019 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.