Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


Cibi a chilometro zero



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

La prima a lanciare questa idea in Europa è stata proprio la Coldiretti italiana che oggi viene seguita anche da altre organizzazioni sindacali e ambientaliste.
Tutto ciò con la benedizione di noi medici-dietologi che siamo certi del benessere futuro che ne deriverà, soprattutto per le fasce meno protette, come bambini, anziani e ammalati. Una volta, come ben racconta il nostro enogastronomo Massobrio, quasi tutto il cibo quotidiano veniva prodotto localmente e cucinato in casa, oggi ci sono molte variazioni di comportamento e ci si fida soprattutto degli alimenti che sono confezionati che si acquistano negli hard-discount o in qualunque supermercato. Se da una parte questa tendenza è da considerare un’evoluzione positiva e salutista, perché ci sia avvale di controllo igienico sia da parte del produttore che delle autorità preposte questo ruolo, d’altro canto, non sempre le grandi catene garantiscono totalmente l’aspetto igienico come è il caso della notizia riportata sotto.

Attualmente il pericolo peggiore è l’eventuale presenza nel cibo di botulino (conserve casalinghe) o della salmonella per i cibi mal conservati sia in frigo che fuori.
E’ notizia proprio di questi giorni che la famosa casa del fast-food Mc Donald’s ha ritirato dal commercio il famoso Big Mac il “paninazzo” a tre piani e anche tutti gli altri sandwichs che contengono il pomodoro di origine americana.

La Food and Drug  Administration (FDA) americana infatti ha bloccato in tutti gli States l’utilizzo di questo pomodoro che è risultato infetto da Salmonella e che ha provocato 23 ricoveri. Assieme a Mc Donald’s però sono coinvolti anche altre grandi catene americane che utilizzano lo stesso pomodoro, mentre in Italia, dove si utilizzano pomodori italiani come: Pachino, San Marzano e il Ciliegino, questo problema non esiste per cui si può stare tranquilli. Il trattamento del cibo nelle fasi di elaborazione e conservazione, costituisce sempre il punto debole della sicurezza alimentare, sia in casa sia a livello di ristorazione collettiva.

 

Testo pubblicato  su: Avvenire del 13 Giugno 2008



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 02/12/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicitĂ  o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.