Indietro

Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


Frutta e verdura fanno bene o sono inutili?



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

La Sig.ra Biancamaria M. Cagliari pone il seguente quesito:

Da molto tempo sento che frutta e verdura sono alimenti necessari per migliorare la nostra qualità della e vita, ma soprattutto risultano essenziali per prevenire alcune malattie o sono utili quando si è ammalati. Poco tempo fa ho letto che per alcuni scienziati americani frutta e verdura sono inutili nei confronti del tumore. Insomma servono o non servono?

La Risposta del Prof. Calabrese:

A volte anche nel mondo della scienza ci sono scienziati che, per qualche arcano motivo, amano fare affermazioni sensazionalistiche. Purtroppo i consumatori restano confusi da ordini e contrordini degli stessi scienziati. Si rassicuri e consumi frutta e verdura cinque volte al giorno (frutta a colazione pranzo e cena, anche come spremute e verdura a pranzo e cena), forniscono una carica vitale necessaria e apportano sali minerali e fibra. È stato scientificamente dimostrato che la fibra, specialmente delle verdure sia cotte che crude, aiuta a mantenere libero il colon e contemporaneamente fa assorbire meno grassi, con un termine improprio si comporta come “filtro”, cioè non fa passare e quindi assorbire tutto il grasso che ingeriamo. Ciò è importante per il nostro apparato cardiocircolatorio, ma è anche una manna per disturbi estetici come la cellulite, specie in questo periodo dell’anno che i vestimenti diventano leggeri, terrore delle forme pingui. Che dire delle vitamine che troviamo nella coloratissima frutta stagionale? Se non servissero a nulla non ci sarebbero malattie da carenza vitaminica, quindi sarebbero inutili anche i supplementi vitaminici (integratori) che si danno in particolari condizioni, dopo una cura di antibiotici, alle persone malate e ai sani un po’ affaticati, specie nei cambi di stagione. Il miglior supplemento o integratore vitaminico per tutte le categorie di persone è la sana frutta. La “malattia del marinaio” o scorbuto che colpiva gli uomini che durante lunghe traversate in mare senza alimenti freschi come frutta e verdura derivava proprio da carenza di vitamina C e fu risolta con una razione di succo di limone, quando finivano gli alimenti freschi, il limone si conservava più a lungo ed era disponibile fino a fine navigazione. Questo è solo un esempio di storia scientifica che comprova però la validità della tesi. Quindi nessun contrordine frutta e verdura vanno consumati in casa e fuori e specialmente è importante educare al consumo sin da piccoli.

 

Testo pubblicato su: Io Donna del 02 Aprile 2010



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 22/10/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti