Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


La dieta sociale



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

Gli ultimi dati ISTAT ci dicono che sono diminuiti i consumi alimentari di noi italiani ma non si è ridotto il numero dei cittadini non abbienti o come si dice adesso incapienti, sostanzialmente in disagio economico.
A ciò consegue un diverso stile di vita riadattato al livello economico inferiore. Meno acquisti in abbigliamento e beni di consumo e per quanto riguarda l’alimentazione si è abbassata volutamente la qualità per restare dentro il range economico del piano familiare. Le famiglie oggi vedono entrambi i coniugi impegnati al lavoro e per brevità si consumano spesso alimenti confezionati di quarta gamma e soprattutto precotti surgelati, ciò ha provocato una diminuzione della capacità culinarie che avevano soprattutto le nostre mamme e nonne. Il prodotto fresco talvolta è imbarazzante da trattare per mancanza di alcune nozioni base. Preparare qualcosa a base di pesce, ad esempio, può risultare difficoltoso basta quindi mettere dentro un tegame, un forno normale o a microonde il piatto già pronto: scaldato e servito, appagando così palato e commensali.

Cambiando le condizioni bisogna tornare ad alimentarsi mantenendo i necessari nutrienti per garantire una giusta alimentazione. Oggi però acquistare alimenti freschi equivale ad andare dal gioielliere. Anziani e categorie in disagio eliminano spesso verdura e frutta. Occorre quindi mettere le condizioni per garantire ai cittadini una buona ”dieta sociale”! Dobbiamo incentivare a scegliere alimenti di stagione e prodotti  locali quelli definiti “cibi a chilometro zero”, cioè cibi prodotti nella stessa regione o zona, non più lontano di 100-150 km.
Così facendo otteniamo alcuni risultati: risparmiando sulle spese di trasporto, spendiamo meno; ci nutriamo con cibi adeguati al clima in cui viviamo e inquiniamo meno.
  
Mangiare in modo nutriente e sobrio non significa penalizzare il palato. Una prima colazione fatta con latte regionale e pane tostato con della buona marmellata, magari fatta in casa, o del miele; un pranzo composto da verdure rigorosamente di stagione, associate a uova sode, dove possibile anche del proprio contadino, per condire basta un filo di olio extravergine di oliva e succo di limone; pane (magari, se si può, fatto in casa) e un frutto anch’esso di stagione; per cena degli ottimi legumi che costano poco, riempiono e nutrono accompagnati da riso o pasta, oppure una buona pizza.

È indispensabile consumare ogni giorno un piatto proteico come carne, formaggio, pesce, meglio se azzurro; frutta di stagione. Un pasto giornaliero simile può definirsi equilibrato e poco costoso.

 

Testo pubblicato su: Avvenire del 05 Settembre 2008



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 06/08/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicità o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.