Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


La Sindrome Yo-Yo



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

Il nostro enogastronomo Paolo Massobrio si è posto un giusto quesito: fa bene alla salute, dimagrire per poco tempo e poi reingrassare?

Purtroppo questo è il cruccio di molti, che grazie ad una dieta dimagrante hanno perso peso, e poi hanno riconquistato i chili persi. Tale effetto si chiama yo-yo, omonimo del giocattolo che fa su e giù, così come va su e giù il peso che si perde e poi si riprende con facilità.

 

Perché è così frequente riprendere peso dopo averlo perso soprattutto con diete da fame, come quella assurda delle radici del nostro Massobrio?

Quando il dimagrimento è troppo rapido è facile riprendere peso perché l' organismo vive questa perdita repentina di grassi, massa muscolare e acqua, come un vero pericolo. Si attivano dei meccanismi che si oppongono alla perdita di peso e inducono a ricominciare a comportarsi a tavola come prima, riprendendo i chili persi, spesso con interessi da usurai. Con quali rischi? Ripresi i chili persi, l'ago della bilancia ci dice che non è cambiato nulla, ma non è così; se, infatti, si va ad analizzare la composizione corporea, ci si accorge che si è riguadagnato solo grasso a scapito della massa muscolare e ad ogni oscillazione la massa magra perduta viene ricostituita solo parzialmente ma il grasso si accumula prevalentemente sull'addome. Questo comporta una diminuzione del catabolismo metabolico, cioè della componente che fa bruciare i grassi e, quindi, a parità di calorie introdotte, si tende ad ingrassare con una maggiore massa grassa si corre un grande rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari e metaboliche, tipo diabete, mentre, a sua volta, il meccanismo di yo-yo favorisce la formazione di calcoli biliari. Cosa fare allora? Per dimagrire bisogna agire pensando a un risultato a lungo termine e quindi occorre stimolare una perdita di peso graduale modificando i comportamenti sbagliati. Non ci sono purtroppo cibi miracolosi ma ci vuole solo buonsenso e, se non si esagera, e si rispettano sia la stagionalità degli alimenti, sia la loro tipicità e, in particolare, il metodo di cottura, il metabolismo torna a riequilibrarsi.

 

Testo pubblicato su: Avvenire del 08 Gennaio 2010



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/08/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti