Indietro

Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


Sono affidabili i test per le intolleranze alimentari?



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

Negli ultimi dieci anni è esplosa in Italia la moda di eseguire i test per le intolleranze alimentari, perché qualcuno ha imputato a queste la causa dell'ingrassamento, trasformando pseudo-scientificamente il modo di nutrirsi.

Dopo aver analizzato la letteratura scientifica si è concluso che si tratta di metodi superficiali e non comprovati scientificamente, che quindi sono da evitare. Gli unici test allergologici validi si fanno in strutture ospedaliere o in laboratori convenzionati, dove si riscontrano con certezza due intolleranze: quella al lattosio e quella al glutine (per i celiaci). A tutt'oggi non esiste alcun esame di laboratorio in grado di valutare scientificamente la presenza di altre intolleranze, oltre a queste due; quindi, come possono gli altri test dare certezza?

Un dato dovrebbe convincere della totale mancanza di basi scientifiche e infatti tutti i pazienti che si sottopongono a questi test alternativi risultano intolleranti agli stessi alimenti: grano, lieviti e lattosio! Non si capisce come i pazienti continuino a sottoporsi a questi esami, le cui conseguenze terapeutiche nutrizionali possono essere anche pericolose perché fanno eliminare molti alimenti indispensabili alla salute. Oggi ci sono in giro, nei vari laboratori e studi medici, molte attrezzature che eseguono questi test che difficilmente riescono a dimostrare la vera intolleranza:

- Vega - la metodica non si è dimostrata in grado di distinguere i sani dai malati allergici ad acari o gatto.

- Citotest - non ci sono prove che dimostrino che l'allergia alimentare sia sostenuta da meccanismi di citotossicità, infatti il test non individua reazioni immunologiche.  

- Test del capello - ha dimostrato la sua incapacità di discriminare soggetti affetti da allergie alimentari al pesce da soggetti sani.

 

Testo pubblicato su: Famiglia Cristiana - 07 Maggio 2010



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2019 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 20/08/2019 - Il sito appartiene a un'azienda privata e si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti