Prof. Dr Giorgio Calabrese

Specialista in Scienze dell'Alimentazione

Menu
laurea

    09/11/1977 -Medicina e Chirurgia (Catania)

    Iscrizione all'albo

    10/03/1978 - Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di ASTI (Ordine della Provincia di ASTI)

    Specializzazione

    09/07/1987 - Scienza dell'Alimentazione Indirizzo Nutrizionistico (Pavia)

    Abilitazione

    1977 /2  - Medicina e Chirurgia (Catania)


Vino: guidare si può



Scritto da
Prof. Dr Giorgio Calabrese

Pubblicato il
27/03/2013

Ieri ho inaugurato il mio primo congresso come Presidente Nazionale ONAV, cioè degli assaggiatori di vino, il tema che ho voluto trattare è: Vino, guidare si può! Perché?

Perché la giusta lotta all'abuso dell'alcol specie dei giovanissimi e anche dei quarantenni, è stata ingiustamente ed erroneamente identificata con il consumo del vino.

Come se le bevande superalcoliche non esistessero! Il problema del bere alcolico è antico ma in Italia per quanto riguarda il vino, negli ultimi trent'anni si è passati da una media di 110 litri all'anno pro capite a circa 30 litri, cioè, traducendo, da tre bicchieri al giorno a mezzo bicchiere al dì. Un successo per noi nutrizionisti a favore del bere moderato, senza arrivare alla completa eliminazione del vino.

Bene fanno i benemeriti alcolisti anonimi che si battono per recuperare coloro che da tempo abusano dell'alcol e chiedono la tolleranza zero. E' comprensibile! Come si vede però dai numeri del vino, si capisce che non può essere il suo consumo moderato a creare tanto danno, bensì il consumo smodato di superalcolici, a tutte le ore, fuori pasto e in modo occasionale e senza limiti di età. Un tempo i teenagers e i giovani sbagliavano solo esagerando con la birra a basso tenore alcolico, ora i superalcolici la fanno da padrone anche a questa età.

Se il vino fosse di per sé un veleno, anche a piccole dosi, non potrebbe rivestire il ruolo sacro che ha sulla mensa eucaristica cristiana. Il vino contiene 87-90 parti di acqua e il resto è composto da alcol e sostanze antiossidanti e minerali; il suo uso deve seguire quello che è da anni il mio motto: "Si beve l'acqua e si gusta il vino". Bisogna dissetarsi con l'acqua e poi gustare un sorso di vino, che in questo modo diventa un alimento e non una bevanda. Così, andando a cena fuori casa, bevendo vino, basta aspettare un'ora per ogni bicchiere di vino bevuto, per rientrare nel limite dello 0,5% nel sangue voluto dalla legge, senza creare danni per sé e per la salute altrui! Prosit!

 

Testo pubblicato su: Avvenire del 07 Maggio 2010



clicca per votare






Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu
lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2020 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 83623320 - info@axelero.it

Aggiornato al 05/06/2020 - Il sito si finanzia con gli abbonamenti dei medici inserzionisti e non riceve finanziamenti dalla pubblicitĂ  o dalla visualizzazione di contenuti commerciali.
Il contenuto editoriale del sito non è influenzato dalle fonti di finanziamento.