Indietro

Goditi la pausa pranzo...vera!

clicca per votare







Scritto da

Starbene.it


Pubblicato il 09/02/2011

Modificato il 01/02/2011

Mangiare davanti al computer fa ingrassare. L'abitudine di non staccarsi dal pc all'ora di pranzo può aumentare la voglia di dolce a fine pasto. È il risultato di uno studio condotto da un pool di ricercatori dell'Università di Bristol (Gran Bretagna), secondo cui 30 minuti dopo aver mangiato con schermo e tastiera sotto gli occhi, il cervello dimentica di averlo fatto. E, per compensare questa illusione di essere ancora a stomaco vuoto (o non del tutto pieno), ti spinge a cercare soddisfazione in un dolce.

 

Dunque, anche se il lavor è pressante, imponiti una vera pausa pranzo (l'ideale sarebbe un'ora): vai in mensa, esci, staccati dalla scrivania! Dopo ti sentirai sazia, avrai distolto la mente dai problemi e, a conti fatti, no avrai perso il tempo che credi.



Fonti:

Brunstrom, J. M. (2004). Does dietary learning occur outside awareness? Consciousness and Cognition, 13(3), 453-470
Brunstrom, J. M. (2005). Dietary learning in humans: Directions for future research. Physiology & Behavior, 85(1), 57-65.
Brunstrom, J.M. (2007). Associative learning and the control of human dietary behavior. Appetite, 49, 268-271
Brunstrom, J. M. & Mitchell, G.L. (2007). Flavor-nutrient learning in restrained and unrestrained eaters. Physiology and Behavior, 90, 1, 133-141.
Brunstrom, J. M. & Mitchell, G.L. (2006). Effects of distraction on the development of satiety. British Journal of Nutrition, 96, 761-769.
Brunstrom, J. M. & Shakeshaft, N. G. Measuring affective (liking) and non-affective (expected satiety) determinants of portion size and food reward. Appetite. 2008 Sep 10.
Ferriday, D. &, Brunstrom, J. M. How does food-cue exposure lead to larger meal sizes? British Journal of Nutrition 2008 May 9:1-8.
Brunstrom, J. M. et al. Estimating everyday portion size using a ‘method of constant stimuli’: in a student sample, portion size is predicted by gender, dietary behaviour, and hunger, but not BMI. Appetite. 2008 Sep;51(2):296-301.
Brunstrom, J. M., Shakeshaft, N. G. & Scott-Samuel, N. E. Measuring ‘expected satiety’ in a range of common foods using a method of constant stimuli. Appetite. 2008 Nov;51(3):604-14.

Per approfondire Vedi Link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 07/12/2016