Indietro

Sei cose da sapere per non attirare fulmini e saette

clicca per votare







Scritto da

Starbene.it


Pubblicato il 01/10/2010

Modificato il 04/10/2010

1- Se sei all'aperto stai lontana dai cartelli, per esempio quelli della fermata dell'autobus. Per gli esperti di Epicentro (Centro di epidemiologia) attirano i fulmini quanto gli alberi e i pali.

2- Meglio non aprire o tenere con te l'ombrello (e comunque oggetti lunghi e appuntiti). Se i fulmini sono davvero tanti, meglio bagnarsi e riprendersi l'ombrello quando tutto è finito.

3- Se non puoi raggiungere un posto al coperto, per esempio perché sei in un grande prato (ricorda: niente alberi!), la cosa migliore è stare ferme accovacciate a terra. Spegni il cellulare.

4- In casa sei al sicuro, ma stai lontana dall'acqua, che è un grande conduttore. Quindi, niente bagno, doccia o bucato a mano. Evita anche di usare il telefono fisso: l'elettricità corre sul filo...

5- In auto niente paura: sei in una gabbia protettiva (gabbia di Faraday), che scarica i fulmini a terra. Per sicurezza chiudi l'autoradio e non toccare le parti metalliche del cruscotto.

6- In aereo, ma anche in funivia, nessun pericolo: come l'auto, rappresentano una gabbia protettiva che scarica eventuali saette lontano dall'abitacolo. I telefonini vanno sempre spenti.



Fonti:

Per approfondire: Vedi link





Commenti

Attenzione per poter inviare il tuo commento devi effettuare l'accesso con le tue credenziali oppure Registrati
Commenta anche tu

Articoli

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. ora axélero S.p.A. Copyright 2009 - 2017 ©Tutti i diritti riservati - C.F./Partita IVA IT 07731860966
Sede Legale: via Cartesio, 2 20124 Milano - Cap. Soc. € 68.000,00 i.v - R.E.A. Milano n. 1978319 - N.Telefono +39 02 84161616 - info@axelero.it

Aggiornato al 23/08/2017