La guida dinamica del
corpo umano
cerca
nell'atlante
cerca
nelle patologie

Atlante Anatomico » Patologie » VAGINITE

VAGINITE

Per vaginite si intende un’infiammazione della vagina, organo genitale femminile che collega la cervice (porzione più bassa dell’utero) alla vulva (apertura esterna degli organi genitali femminili costituita da clitoride, grandi labbra e piccole labbra).

La vagina ospita al suo interno tanti microrganismi non patogeni (non in grado di generare malattia) i quali costituiscono la normale flora microbica locale. I più comuni sono rappresentati da: Lactobacillus Acidophilus (bacilli di Döderlein), Escherichia Coli e Candida Albicans, i quali se convivono in equilibrio tra di loro e in un ambiente sempre acido come quello vaginale (pH=4) prevengono la crescita di germi patogeni.

CAUSE

Diverse malattie sistemiche come il diabete, alcune malattie infettive e alcuni farmaci (antibiotici, corticosteroidi) possono alterare l’equilibrio e l’acidità dell’ambiente vaginale dando vita ad un’infezione causata dal microrganismo che prende il sopravvento.

DIAGNOSI

I tamponi vaginali (prelievo di secreto vaginale attraverso un bastoncino cotonato lungo e sottile) vanno strisciati in un mezzo di coltura specifico che confermerà l’ipotesi diagnostica.

Una vaginite non diagnosticata e non curata correttamente può diventare cronica propagandosi all’utero, alle tube e infine alle ovaie causando a volte sterilità.

TERAPIA

La terapia prevede la somministrazione locale o generale di farmaci antibiotici specifici per il microrganismo che ha provocato l’infezione.

L’uso del preservativo, una corretta igiene intima e l’uso di indumenti intimi puliti aiutano a prevenire e ad evitare le infezioni vaginali.

SINTOMI

I sintomi accusati dalla paziente sono:

  • Bruciore
  • Perdite vaginali o leucorrea (fuoriuscita di abbondante secrezione dalla vagina)
  • Disuria (difficoltà ad emettere le urine)
  • Prurito
  • Dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali)
  • Sanguinamenti vaginali
  • Stranguria (dolore durante l’emissione delle urine)

 

Le perdite vaginali (costituite da muco cervicale, cellule di sfaldamento e prodotti delle ghiandole sebacee) dovute a infezione sono di colore giallastro o grigiastro e quindi ben diverse dalle fisiologiche secrezioni vaginali prodotte in modo variabile da donna a donna e abbandonati quando la quota di estrogeni circolanti è molto elevata (durante l’ovulazione e in corso di gravidanza. La quantità di secrezioni aumenta ma in modo fisiologico anche durante l’assunzione della terapia anticoncezionale, durante i rapporti sessuali ed in seguito a forti stimoli emotivi.

Il primo sintomo che spinge la paziente a consultare il medico è la fuoriuscita di perdite vaginali inconsuete e ciò viene confermato dalla visita ginecologica che valuta le mucose vaginali e del collo dell’utero.

I medici consultabili appartengono ad una libera scelta di abcsalute.it e non sono integrati nella sintergia "Atlante Anatomico Dinamico" con l'Università LA SAPIENZA

Consulta i medici

Consulta gli articoli

Rosolia in gravidanza: pericoli e strategie di prevenzione

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica Durante l’infanzia, si ha un maggior rischio di contrarre malattie infettive.…

Conservare il cordone ombelicale: cosa devono fare mamma e papà

Articolo a cura dell'Ufficio Stampa Sorgente.   La decisione di conservare le cellule staminali cordonali ombelicali è…

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 06/12/2016