Home Comitato medico scientifico

Più informazione
più salute

SUGGERIMENTI Ricerca Nascondi suggerimenti
  • HOME
  • Blog
  • Distacco della placenta, cos’è e come evitarlo

Indietro

Distacco della placenta, cos’è e come evitarlo

distacco-della-placenta

Si sente spesso parlare di gravidanze a rischio a causa del distacco della placenta. Ma di cosa si tratta esattamente? Potremmo definire la placenta il punto di scambio tra mamma e feto: attraverso la placenta, il bambino riceve ossigeno, zuccheri, proteine e lipidi, svolge dunque una funzione vitale per il bambino.

Detto ciò, appare chiaro quanto il distacco della placenta sia un pericolo per la gravidanza e la salute di mamma e bambino.

Sintomi. I primi tre mesi di gravidanza rappresentano un periodo cruciale, perché è allora che può verificarsi il distacco placentare. I sintomi che qualcosa non va sono: perdita di sangue, dolore al ventre e ai reni, il bambino che non si muove come prima; a volte, però, non c’è alcun segnale di rischio, e capita che alcune donne non si accorgano affatto del distacco della placenta e del pericolo che stanno correndo.

Cause. Sebbene sia un problema molto diffuso, non si conoscono le cause certe che provocano il distacco della placenta, per contro si sa che traumi fisici o psicologici, forte stress, cadute, aver ricevuto colpi all’addome possono favorirla. Inoltre, non si deve escludere l’incidenza di alcune patologie, come i disturbi cardiocircolatori, fibroma uterino anomalie dell’utero.

Come evitarla. Fumo, alcol, uso di droghe, sport intenso in gravidanza, dormire a pancia in giù sono abitudini che facilitano il distacco della placenta. Estrema attenzione anche al cibo: non tutto quello che mangiate e bevete viene filtrato dalla placenta, per questo in gravidanza è sconsigliato l’uso di alcuni farmaci, cibi e bevande.

Come intervenire. Se sospettate un distacco della placenta, chiamate subito il vostro ginecologo che si accerterà della salute del feto con l’ecografia e l’analisi di vagina e cervice per capire se c’è o meno un’infezione. Appurato il distacco di placenta, il medico valuta la gravità della situazione e il da farsi; in genere si consiglia riposo assoluto altrimenti, se è il caso, si può decidere di partorire con il taglio cesareo.

Per evitare qualsiasi problema nel corso della gestazione, è fondamentale monitorare la gravidanza e affidarsi a un ginecologo esperto e scrupoloso.
___________________________
Ginecologi consigliati da ABCsalute

Dr Luciano Di Leo
Dr Franco Testaverde
Dr Graziana Ascani

Nessun commento inviato

Lascia un commento

Comment form
 Ho preso visione delle Avvertenze di Rischio.


Notificami via email quando qualcuno risponde al mio commento




Tutti i campi (*) sono richiesti




ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2012 - 2012
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Aggiornato al 19/04/2014