La guida dinamica del
corpo umano
cerca
nell'atlante
cerca
nelle patologie

Atlante Anatomico » Patologie » MONONUCLEOSI

MONONUCLEOSI

La mononucleosi è una delle infezioni virali più diffusa al mondo, colpisce in particolar modo adolescenti e giovani adulti e si trasmette maggiormente attraverso la saliva, per questo motivo è conosciuta anche come “malattia del bacio”. Si trasmette anche tramite rapporto sessuale, trasfusioni di sangue oppure attraverso l’utilizzo di oggetti contaminati ma si manifesta clinicamente soltanto quando colpisce pazienti debilitati e col sistema immunitario compromesso.

CAUSE

La mononucleosi è una malattia infettiva causata dal virus di Epstein Barr (EBV).

DIAGNOSI

La diagnosi si basa sulla storia clinica e sull’esame obiettivo che valuta le condizioni generali del paziente. Gli esami di laboratorio mostrano un aumento dei globuli bianchi soprattutto dei linfociti e una diminuzione delle piastrine. Risultano alterati gli indici della funzionalità epatica (GOT, GPT, GGT). La diagnosi certa è data dalla presenza di anticorpi contro il virus di Epstein Barr.

Il Monotest (test di screening nella diagnosi di mononucleosi infettiva) mira a ricercare la presenza di anticorpi eterofili (capaci di legare i globuli rossi di pecora) che compaiono nel 95% dei casi. Non è un test specifico al 100% e pertanto si ricorre alla ricerca di anticorpi specifici contro gli antigeni virali (AB, IgM-VCA, IgG-VCA e EBNA). Le IgM indicano infezione in atto, mentre le IgG che permangono per tutta la vita indicano infezione pregressa.

TERAPIA

Non esiste una terapia medica specifica ma solo di supporto con paracetamolo o farmaci antinfiammatori associata al riposo, ad un’alimentazione equilibrata e ad una buona idratazione.

SINTOMI

I segni caratteristici di tale patologia sono:

  • aumento di volume dei linfonodi (organi del sistema linfatico deputati alla distruzione di batteri e virus);
  • dolore localizzato alla faringe (faringodinia);
  • febbre e malessere generale;
  • aumento di volume della milza (splenomegalia);
  • dolori addominali e vomito.

 

Nella maggior parte dei pazienti l’infezione si risolve senza lasciare esiti di malattia, eventuali complicanze possono essere: meningiti (malattie infiammatorie delle membrane che rivestono il cervello), neuropatie (patologie che colpiscono i nervi periferici), encefaliti (malattia infiammatoria che colpisce il cervello) e rottura della milza. In alcuni individui può permanere per molto tempo un senso di stanchezza cronica spesso invalidante.

I medici consultabili appartengono ad una libera scelta di abcsalute.it e non sono integrati nella sintergia "Atlante Anatomico Dinamico" con l'Università LA SAPIENZA

Consulta i medici

Consulta il forum

Consulta gli articoli

Immunologia per corrette risposte immunitarie

L'immunologia opera nell’ambito delle scienze biomediche con lo studio e la cura delle infezioni e delle deficienze nella…

Immunodeficienza: deficit delle difese immunitarie

L'immunodeficienza è una condizione patologica di alterazione del sistema immunitario, che si caratterizza con frequenti, lunghe…

lascia la tua e-mail per ricevere aggiornamenti e notizie



Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di ABCsalute s.r.l. come specificato all' art.3b


   Iscriviti alla Newsletter   
Grazie per esserti registrato alla newsletter di ABCsalute.it

ABCsalute S.r.l. - Registrazione al Tribunale di Milano n. 491 del 24.07.2008 - Copyright 2008-2016
© Tutti i diritti riservati - P.I. 06355610962 - Per Informazioni 02.97383387 - info@abcsalute.it - Direttore

Società a socio unico, soggetta a direzione e coordinamento da parte di axélero S.p.A

Progetto di fusione per incorporazione di abcsalute s.r.l. in axélero S.p.A. ai sensi degli artt. 2501-ter e 2505 c.c.

Aggiornato al 08/12/2016